24 Gennaio 2021 - Aggiornato alle 12:49
SPORT
AD10S: Omaggio a Maradona del poeta napoletano Ino Fragna
08 Dicembre 2020 11:15 —

AD10S

No, ll’urdemo avversario nun l’hê scartato, tu l’hê guardato fisso comme ssempe, isso è rimasto fermo nun ha tremmato, e nun puteva tremmà pecché era ‘a morte… Se dice ca si more nu poeta ‘o munno sano perde quacchecosa e nu poeta tu sȋ ssempe stato, ‘a penna ‘a mantenive cu nu pede, ‘o foglio era nu campo d’erba verde ‘e lliriche ‘e screvive cu na palla e pure chella te vuleva bbene pecché na palla è ssempe maltrattata, e nn’have sulo cavice e ccapate, sulo cu tte chesto nun succedeva pecché comme pȏ ffà nu nnammurato nun’a vattive ma ll’accarezzave… E ccà t’hanno voluto sempe bbene ca songo tante chille ca ‘o destino ‘a che sso’ nnate ha sempe scamazzato, e tu, comme si fusse ‘a man’’e Ddio pe’ nu mumento tu l’hê accarezzate.. Nun ȋre Dio però sȋ stato n’ommo e comme n’ommo te sȋ cumpurtato, n’ommo ca sbaglia e pava è perdunato, però nun se perdona chi ‘a capa annant’ê forte nun l’ha chiata. Nu popolo distrutto e umiliato d’’a guerra, d’’a miseria e ‘a dittatura s’aizaie da terra e tu l’hê dat’’a mana dint’â na notte ‘e gloria messicana. E pure a Napule città terremotata e straziata da na miseria antica e ‘a malavita purtaste na speranza ‘e vita nova ca se facette po’ liggenda e mmito. No, est’asciutto ‘o foglio, nun sto chiagnenno, nun tengo fede e veramente nun ssaccio mo’ addo’ staie ma sto sereno e na certezza ‘a tengo: ca nu poeta ovéro nun more maie.

Ino Fragna

08 Dicembre 2020 11:15 - Ultimo aggiornamento: 08 Dicembre 2020 11:15
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi