08 Dicembre 2022 - Aggiornato alle 16:47
SPORT

Ajax-Napoli: 1-6. "Massacro ad Amsterdam" di Giovanni Spinazzola

05 Ottobre 2022 00:52 —

Una goleada, un'altra dopo quelle rifilate al Liverpool e al Rangers in questo Girone di andata di Champions per il Napoli. Stavolta a farne le spese è stato l’Ajax letteralmente umiliato sul suo campo dagli azzurri che hanno dominato in lungo e in largo con un gioco spumeggiante, rapido, efficace che con il passare dei minuti ha messo KO i padroni di casa. In pratica la gara è stata combattuta fino al 17’ quando Raspadori di testa ha pareggiato la rete di Kudus. Da quel momento in campo c’è stato solo il Napoli che ha letteralmente travolto gli avversari grazie ad un centrocampo con il passare dei minuti sempre più padrone di quella zona con una difesa che superato lo sbandamento iniziale ha chiuso tutti i varchi (solo un tiro in porta efficace, al di là della rete, ha costretto Meret a scaldare i guanti) ed un attacco che non perdona grazie a Raspadori sempre più un gioiello coadiuvato a un buon Lozano, a Kvaratskhelia a Simeone entrato nella ripresa. Da sottolineare il carattere del ragazzino georgiano che benchè sottoposto ad una cura particolare di calcioni da parte del suo avversario ha comunque trovato il modo di realizzare un goal di grande fattura tecnica. Eppure il match non è cominciato nel migliore dei modi. Il pressing asfissiante dell’Ajax a centrocampo a contrastare il gioco degli azzurri li ha messi in affanno sia in fase di contenimento che in fase di impostazione della manovra. Di Lorenzo ha un po' sofferto il suo diretto avversario e la difesa  è stata un po' in difficoltà tant’è che da un batti e ribatti in area di rigore i lancieri sono andati in vantaggio con Kudus che ha superato Meret con un rimpallo fortunoso. Inizio in salita per il Napoli che aveva comunque creato la prima palla goal della partita con Raspadori il cui tiro sfiorava il palo. Sul vantaggio olandese il Napoli ha serrato le fila prendendo le misure agli avversari soprattutto colpendoli sulle fasce ed è proprio con una travolgente discesa sulla sinistra che Olivera confeziona un lungo traversone che Raspadori sfruttava con un bell’avvitamento di testa realizzando il pareggio. I padroni di casa insistono nel loro gioco asfissiante nella parte centrale del campo a dire il vero giocando con troppa veemenza colpendo duramente le caviglie degli azzurri ed avrebbero meritato più dei due cartellini gialli alzati dall’arbitro nei loro confronti. Un Napoli che nonostante tutto rinfrancato dal pareggio ha preso a macinare gioco in velocità e al 33’ su un bel cross in area di Zielinski dopo un angolo battuto corto, Di Lorenzo di testa ha portato la sua squadra in vantaggio. Al 40’ occasionissima per i ragazzi di Spalletti. Lozano se ne andava sulla destra crossava al centro Zielinski in area tirava ma il portiere respingeva sul pallone si avventava Anguissa che a porta spalancata tirava alto. Preludio alla terza rete che arrivava allo scadere del tempo con un'altra azione spettacolare in velocità. Anguissa recuperava una palla a centrocampo e lanciava Zielinski verso l’area e stavolta non falliva. Nell’intervallo Spalletti sostituiva il polacco con Ndombelè. Non cambiava nulla. Pochi minuti Anguissa rubava il pallone dinanzi all’area di rigore olandese lanciando Raspadori ed era l’1-4. Il classico colpo del KO che tramortiva l’Ajax. Da questo momento in campo è solo Napoli. L’Ajax cercava di abbozzare una reazione ma al 65’ il bottino dei ragazzi di Spalletti arrivava a quota cinque con la rete di Kvaratskhelia, nel frattempo al 75’ i padroni di casa restavano in dieci per l’espulsione di Tadic reo di un fallaccio (l’ennesimo) ai danni di Elmas. Il bottino diventava ancora più corposo all’80’ quando nella festa ci metteva il suo sigillo anche Simeone. La traversa evitava un risultato ancora più umiliante su un gran tiro di Ndombelè all’88’. Il Napoli dunque chiude il girone di andata a punteggio pieno ad un passo dalla qualificazione anticipata agli ottavi. Un cammino sin qui a suon di squilli di tromba in una marcia che tutti si augurano possa continuare ad essere trionfale così come è stato finora.

05 Ottobre 2022 00:52 - Ultimo aggiornamento: 05 Ottobre 2022 00:52
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi