27 Settembre 2021 - Aggiornato alle 09:40
MONDO ANIMALE
Ansia da separazione del cane
07 Giugno 2021 11:09 —

I cani sono animali da branco, capita molto di rado che un cane si allontani dal suo gruppo, se non per motivi d’incompatibilità o per malattie.

D’altronde è fisiologico che un cucciolo abbia qualche angoscia nel restare da solo essendo fino al giorno prima vissuto al caldo materno insieme ai suoi fratelli a stretto contatto. Per questo i cuccioli vanno rassicurati e fatti ambientare per bene affinché diventino da adulti sicuri di se. Punire il proprio cane che ha distrutto una pantofola o ha fatto i bisognini in casa non ha senso ed è fortemente controproducente poiché peggiorerà il suo stato di ansia.

Uno stato emotivo come l’ansia può diventare un comportamento cronico se non si interviene per ridurla. Inizialmente è una sensazione che si manifesta quando il nostro amico a quattro zampe viene lasciato da solo. Cerchiamo quindi di dare al cane degli orari precisi, sia per i pasti principali che per le passeggiate, l’abitudinarietà dà al cane benessere. Inizialmente evitiamo di lasciare il cane troppo tempo da solo a casa, facciamo in modo che resti sempre qualcuno a fargli compagnia per abituarlo gradualmente alla solitudine.

Può capitare anche di incentivare l’ansia, anche in buona fede, per esempio punirlo per qualche attacco di ansia, da noi interpretato come un dispetto oppure chiudere il cane nella stanza a fianco se noi stiamo in casa. Evitiamo di accoglierlo con coccole e sorrisi al rientro. È buona regola ignorarlo quando si rientra in casa. Lo scopo è fargli capire che l’esperienza di distacco e ritorno sono azioni normali. Ricordiamoci sempre che in nostri piccoli cuccioli sono delle spugne emotive, pronte ad assorbire tutto ciò che li circonda, se li umanizziamo troppo, se creiamo rapporti morbosi e ansiosi faremo crescere il nostro cane in modo sbagliato.

Cerchiamo sempre l’aiuto di uno specialista educatore comportamentale quando il cane manifesta delle problematiche affinché si individui subito la giusta terapia rieducativa.

Domenico Esposito

07 Giugno 2021 11:09 - Ultimo aggiornamento: 07 Giugno 2021 11:09
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi