02 Marzo 2021 - Aggiornato alle 17:09
SPORT
Atalanta-Napoli: 4-2. Le pagelle di Giovanni Spinazzola
21 Febbraio 2021 20:50 —

Meret 6: appare incolpevole sui quattro gol, anche se sulla conclusione di Muriel potrebbe forse fare di più.

Di Lorenzo 4,5: tre delle quattro reti ce l’ha sulla coscienza. Chiusura tardiva su Gosens, lascia crossare Muriel ed in attacco praticamente non si vede.

Rrahmani 5,5: almeno regge l’urto e non commette disastri. È già una notizia, anche se potrebbe fare meglio in alcune occasioni.

Maksimovic 5,5: dovrebbe marcare lui Zapata in occasione del gol colombiano invece vivacchia in area senza un motivo. È però l’unica sua sbavatura.

(dal 78’ Koulibaly s.v.: il tempo di entrare e perdersi Romero sul gol che chiude la gara).

Mario Rui 4,5: condivide le colpe con Di Lorenzo. Prova ad opporsi invano a Zapata ma non dovrebbe stare lui sul colombiano vista la differenza di stazza. Lascia partire il cross del colombiano per la rete di Gosens.

(Dal 78’ Ghoulam s.v.).

Fabian Ruiz 5: ha piedi per disegnare calcio ma lo spagnolo è ingolfato come un vecchio motore. Non riesce ad avere uno spunto che sia uno. Male.

Bakayoko 4,5: mezzo voto in meno perché con un retropassaggio suicida propizia la rete di Muriel e mette la parola fine alla partita.

Politano 6,5: il migliore in campo per distacco. Realizza l’assist per il gol di Zielinski e dal suo piede parte anche il pallone che si trasforma nell’autorete di Gosens. E dire che nel primo tempo s’era fermato per un possibile infortunio.

Zielinski 6: gioca a corrente alternata e provoca rabbia perché avrebbe le qualità per spaccare in due la partita. Spesso, però, predica nel deserto. Una perla la rete dell’1-1.

(dall’84’ Lobotka s.v.).

Elmas 4: un disastro. Sbaglia ogni pallone, ogni giocata, tutto e pure di più. Gattuso lo toglie per disperazione.

(dal 53’ Insigne 6: risparmiato per un problema alla schiena, deve entrare in campo per provare a raddrizzare la situazione. Anche il capitano, però, può poco).

Osimhen 5: corre spesso a vuoto, prova a far salire la squadra, a combattere ma non ha un guizzo né un moto. Nulla. Finisce anche anzitempo la gara per un colpo alla testa che gli fa perdere i sensi e lo costringe al ricovero in ospedale.

21 Febbraio 2021 20:50 - Ultimo aggiornamento: 21 Febbraio 2021 20:50
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi