27 Gennaio 2021 - Aggiornato alle 07:35
SPORT
AZ-Napoli: 1-1. "Calati a picco nel secondo tempo" di Giovanni Spinazzola
03 Dicembre 2020 23:50 —

Occasione persa. Il Napoli conquista solo il pareggio all’Afas Stadion di Alkmaar e deve rimandare la qualificazione ai sedicesimi di finale, che sarebbe arrivata aritmeticamente con il successo in Olanda. Ed invece gli azzurri dovranno disputare una gara thrilling tra sette giorni, con due risultati su tre al cospetto della Real Sociedad capolista in Spagna. Non il massimo della vita ed è chiaro come vi sia grande rammarico in casa napoletana, soprattutto per come s’era messa la gara. Il vantaggio al 6’ e la partita in discesa, senza però, riuscire a chiuderla come avrebbe dovuto essere. Troppi i calciatori sotto tono che forse hanno patito il freddo di Alkmaar. Gattuso ha confermato il 4-3-3 con Zielinski a trasformare la squadra in 4-2-3-1 a seconda dei suoi movimenti; in alcuni frangenti, in fase di non possesso, addirittura la squadra si è schierata con un 4-4-1-1 con il polacco alle spalle di Mertens a chiudere le linee di passaggio e Politano-Insigne accanto ai centrocampisti. Questione di numeri effimera, perché stasera il Napoli ha pagato soprattutto nella brillantezza dei sui calciatori chiave. Il migliore in campo, d’altronde, è stato Ospina, al ritorno dopo l’infortunio; due super parate ed il rigore neutralizzato per il colombiano che ha salvato i suoi da una sconfitta incredibile. La diga a centrocampo non ha funzionato, perché Bakayoko è apparso fin dai primi momenti di gara in grande difficoltà, mal supportato da Fabian Ruiz e lo stesso Zielinski; in attacco, peraltro, non è andata di certo meglio, perché Insigne e Politano non hanno girato a dovere. Il pressing asfissiante degli olandesi è stato mal digerito dai partenopei, calati a picco nel secondo tempo; a nulla sono valsi i cambi, poco incisivi come ha spiegato anche Gattuso nel post gara. La squadra ha mostrato di soffrire la velocità degli avversari regalando campo e possesso nella ripresa ma, soprattutto, è mancata in fase di appoggio, mettendo in evidenza come – forse – il Napoli stia pagando oltremodo l’assenza di Osimhen. Senza il nigeriano, con un Napoli brevilineo davanti, sembra necessaria la geometria e l’interdizione di Demme, giocatore unico nella rosa azzurra, imprescindibile con questo schema tattico. Gattuso dovrà lavorare anche su quest’aspetto già a partire da domani, perché domenica pomeriggio si scenderà nuovamente in campo, a Crotone per un’altra sfida difficile ed il Napoli non può permettersi di sbagliare.

03 Dicembre 2020 23:50 - Ultimo aggiornamento: 03 Dicembre 2020 23:50
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi