20 Ottobre 2020 - Aggiornato alle 20:04
SPORT
Bologna-Napoli: 1-1. "Poco "veleno" per dirla alla Gattuso" di Giovanni Spinazzola
15 Luglio 2020 22:05 —

Secondo pareggio consecutivo per il Napoli che anche stavolta subisce la rimonta in una gara giocata male, con poco mordente e soprattutto poca voglia di combattere, poco "veleno" per dirla alla Gattuso. La peggior partita post Covid insieme a quella contro l'Atalanta, perché per 90' si è assistiti ad una partita ricca di errori contro un avversario ben organizzato ma pur sempre inferiore tecnicamente. Gli otto cambi voluti dal tecnico rispetto al Milan non hanno sortito gli effetti sperati ma la situazione non è cambiata nemmeno nel finale. Nonostante il vantaggio arrivato ad inizio gara, il Napoli ha patito più del dovuto la maggior freschezza atletica dei felsinei, molto più in palla dei partenopei, quasi svagati, poco concentrati. Errori in difesa, soprattutto in uscita per far ripartire l'azione, con la squadra mai veramente in grado di saltare il forsennato pressing dei padroni di casa. Il gioco sulle fasce ha pesantemente latitato, ma anche in mezzo al campo la squadra non si è certo espressa ai suoi livelli. Zielinski è stato più discontinuo del solito, Elmas meno incursore rispetto alla gara precedente e le catene non hanno funzionato a dovere, mandando in crisi tutto il sistema offensivo dei partenopei, anche perché gli attaccanti non hanno certo offerto un contributo apprezzabile, anzi. Milik in attacco ha già la testa al mercato (alla Juve?), Politano è apparso voglioso ma ancora al di sotto degli standard necessari e Lozano, il migliore del lotto, da solo non può certo far molto. Male anche la difesa, con i terzini poco propositivi in attacco ed in affanno quando puntati ed il duo centrale ha patito più del dovuto la gioventù di Barrow e... di Palacio (38enne). E' mancato praticamente tutto al Napoli, ed il Bologna avrebbe addirittura meritato la vittoria nel finale, quando si è evidenziato maggiormente il crollo fisico. Si era notato anche contro il Milan; due indizi non fanno una prova ma poco ci manca. Gattuso dovrà lavorare sulla condizione fisica e, soprattutto, sulla gestione delle risorse nell'arco dei 90'. Un pareggio, oggi contro il Bologna, non è drammatico, considerato come il campionato sia di fatto finito per il Napoli ma almeno la squadra impari dagli errori commessi. Solo così si può migliorare. 

15 Luglio 2020 22:05 - Ultimo aggiornamento: 15 Luglio 2020 22:05
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi