06 Febbraio 2023 - Aggiornato alle 17:22
CRONACA

Bolzano: Ragazzo 19enne egiziano non trova posto nel dormitorio e muore di freddo per strada

16 Dicembre 2022 20:30 —

Nella seconda città italiana classificatasi per miglior qualità della vita un ragazzo di 19 anni, egiziano, non trova posto nel dormitorio e muore per strada nella notte quando il termometro ha toccato -9 gradi. C'è da chiedersi se nessuno ha visto niente o i cittadini sono passati oltre. 

Come racconta l'edizione de La Stampa di oggi, Mostafa Abdelaziz Abouelela aveva diciannove anni ed è stato trovato morto venerdì scorso sotto il cavalcavia ferroviario di via di Vittorio nella zona commerciale. Dopo un periodo in Francia era arrivato in Italia per trovare lavoro e aiutare la sua famiglia rimasta in Egitto. «È fuggito da qui per darci un futuro. La nostra famiglia è povera, voleva renderci la vita più facile, ma ha messo a repentaglio la sua», ha raccontato il fratello, Mohamed Ahmed. «Voleva aiutare la nostra sorella maggiore – ha aggiunto –, che ha espresso il desiderio di sposarsi con il suo compagno».

Mostafa si era presentato all'infopoint di Volontarius il giorno prima della tragedia ed era in lista d'attesa per un posto letto in dormitorio, ma prima di lui c'erano 170 persone. «Quella sera faceva freddissimo, credo fossero 9 gradi sotto zero», racconta Shabaan Alaa, che era con il diciannovenne la notte della tragedia. «Entrambi - prosegue - non abbiamo nessuno qui a Bolzano, quindi l'unica possibilità era dormire per strada. Nei giorni precedenti avevamo fatto richiesta per un posto dove poter dormire, ma ci hanno detto che al momento erano pieni».

Una morte atroce che spezza il cuore di tutti i cristiani, inaccettabile in un paese civile come l'Italia e ancor di più in una città classificatasi al secondo posto per qualità della vita.

Un paese che, è chiaro, non riesce e non può far fronte a tutte le esigenze dei tanti poveri stranieri in cammino per una vita migliore, e che, una volta arrivati sul territorio, invece, finiscono per essere fatalmente abbandonati al loro destino.      

Antonio Pianelli

16 Dicembre 2022 20:30 - Ultimo aggiornamento: 16 Dicembre 2022 20:30
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi