04 Aprile 2020 - Aggiornato alle 17:42
SPORT
Brescia-Napoli: 1-2. Gattuso, "mi arrabbio perché in A non ci sono partite facili"
21 Febbraio 2020 23:45 —

È un Gennaro Gattuso moderatamente soddisfatto ma prudente quello che si presenta ai microfoni di Sky dopo il successo contro il Brescia.

"Cosa ho detto alla squadra all'intervallo? Fai la prossima domanda vai, che è meglio. Qui la squadra ha vinto al 94', mi dà fastidio quando si dice che si vengono a fare le passeggiate qui solo perché il Brescia ha 16 punti. Abbiamo visto tanti video, sapevamo cosa avremmo trovato. Abbiamo fatto un palleggio sterile, ho visto 2-3 calciatori che alzavano le mani, volevano spiegazioni. Su queste cose mi arrabbio perché in A non ci sono partite facili. Metto l'elmetto e mi arrabbio. Si è rischiato tanto in questa stagione. Si è parlato di tutto, è meglio che si parli di calcio. Ci vuole il veleno e ora la squadra mi piace, c'è uno spirito diverso. Non dobbiamo farci sorprendere come fatto oggi. Ci sta andare sotto, ma poi è importante la reazione. Se firmerei ancora per l’Europa League a discapito del passaggio del turno in Champions League? Siccome mancano oggi 13 partite alla fine e per andare in Europa bisogna fare 27-28 punti ancora, in questo momento arrivare in Europa League è un qualcosa di importante. Il Barcellona è una grande squadra, ma noi ci giochiamo le nostre carte".

Gennaro Gattuso, poi, ha parlato anche dell’organico. A precisa domanda, ha risposto così. "A fine mercato ho ringraziato la società che mi ha preso giocatori importanti. Pensiamo partita dopo partita per arrivare subito a 40 punti. Per tanto tempo ho avuto paura perché vedevo una squadra fragile, senza sicurezze. Io sono nel mondo del calcio da anni e so che quando si spegne la luce è tutto difficile. Ora sembra facile, ma non lo è. Sappiamo che sarà sempre dura, noi dobbiamo farci trovare pronti. Ho giocatori forti, però, questo è un dato di fatto".

Ringhio, poi, passa all’analisi della gara. "Nel primo tempo ci sono mancati gli ultimi 20 metri. Quando veniva Mertens a toccare c'erano pochi inserimenti di Elmas e Fabian Ruiz, Insigne e Politano erano già in mezzo e noi eravamo piatti. Nella ripresa invece ci siamo mossi senza palla e avevamo più uomini in area".

Capitolo, inevitabile, il Barcellona. "Non mi ci far pensare, lasciami tranquillo. Il problema è che, quando parlo coi miei colleghi che hanno qualche anno più di me, chiedo loro se dormono. Mi dicono che col tempo passerà, invece non passa. Ma devo dire che è una bella sensazione".

Giovanni Spinazzola 

21 Febbraio 2020 23:45 - Ultimo aggiornamento: 21 Febbraio 2020 23:45
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi