15 Gennaio 2021 - Aggiornato alle 18:22
SPORT
Cagliari-Napoli: 1-4. "Vittoria nel segno di Piotr Zielinski" di Giovanni Spinazzola
03 Gennaio 2021 18:14 — Tra i migliori in campo insieme a Insigne e al solito Lozano.

Il Napoli apre il 2021 con il piede giusto, con un poker al Cagliari e nel segno di Piotr Zielinski. Autentico dominatore, trascinatore senza limiti dei partenopei oggi corsari in Sardegna. Alcune criticità emerse nelle ultime settimane di dicembre vi sono ancora, evidenziate da Gattuso; troppe, infatti, le occasioni create per un bottino davvero esiguo di reti, senza dimenticare l’errore grossolano sulla rete sarda che avrebbe potuto riaprire la gara. Una topica clamorosa, una disattenzione davvero imperdonabile per una formazione che, di fatto, in quel momento aveva regalato il pareggio al Cagliari dopo un dominio territoriale e di gioco evidenti. Situazioni che, naturalmente, non sono piaciute a Gattuso, come lui stesso ha ammesso. Si dovrà continuare ad analizzare e lavorare su questi aspetti, ma nel frattempo grande il passo in avanti della squadra. Pur senza Mertens ed Osimhen in attacco e Koulibaly in difesa, il Napoli ha dominato approcciando nella maniera giusta al match; grande cattiveria e determinazione, voglia di mettere la sfida sui binari giusti. Zielinski, dicevamo, devastante; tra le linee il polacco ha giganteggiato e soprattutto la batteria dei trequartisti ha regalato un gioco esemplare, supportati dalla buona mediana sull’asse Fabian Ruiz e Bakayoko, entrambi apparsi in netta crescita rispetto alle ultime prestazioni. Solita conferma Insigne, Lozano è ormai imprescindibile, la vittoria più bella di Gattuso; il messicano è devastante, un giocatore ritrovato, il punto di forza di un Napoli che con Petagna ha dovuto modificare la sua idea di gioco. L’attaccante ex Spal non può essere certo lanciato in profondità come Osimhen, ma agisce più da centroboa, ed il suo movimento sull’1-0 di Zielinski ne è l’esempio più chiaro. Tanto lavoro per la squadra da parte del calciatore che dovrebbe essere più cattivo davanti alla porta. Lo Spezia mercoledì e l’Udinese domenica prossima i due prossimi test da non fallire; una rondine non fa certo primavera e la squadra dovrà mostrare i passi in avanti visti oggi. In attesa di Mertens e della Supercoppa.

03 Gennaio 2021 18:14 - Ultimo aggiornamento: 03 Gennaio 2021 18:14
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi