18 Febbraio 2020 - Aggiornato alle 13:23
SPORT
Casa Napoli: "È asciuto pazzo 'o padrone l'avite fatto arraggià" di Giovanni Spinazzola
28 Gennaio 2020 21:31 —

È asciuto pazzo 'o padrone l'avite fatto arraggià. Cantava così Edoardo Bennato nel lontano 1992 e, siamo sicuri, non si riferiva di certo a De Laurentiis, anche perché il Presidente azzurro, proprio in tema di mercato, soprattutto a gennaio, mai si era contraddistinto per investimenti milionari se non supportati da altrettante cessioni. Ed invece il patron, stavolta, ha spiazzato tutti. Ha aperto i cordoni della borsa ed iniziato a spendere milioni di euro manco fosse lo zio d’America o il parente fresco di vittoria della lotteria. Il Napoli, in questa sessione invernale di calciomercato, ha infatti speso oltre 50 milioni di euro, ben 67 per la precisione ma il patron non ha ancora intenzione di fermarsi. Diego Demme, ingaggiato dal Lipsia per 12 milioni – uno dei migliori contro la Juve – ha fatto da apripista all’ingaggio di Lobotka per 20 milioni e quello di Rrhamani, acquistato dal Verona per 14 milioni (resterà, però, con gli scaligeri fino a giugno, per poi unirsi ai partenopei). Oggi, infine, è arrivata l’ufficialità di Politano, arrivato con la formula del prestito oneroso (due milioni) più riscatto obbligatorio fissato a 19 con ulteriori due milioni di bonus. La squadra azzurra, però, è scatenata e tiene aperte altre tre piste; Kumbulla – l’altro centrale difensivo del Verona – Ricardo Rodriguez ed Andrea Petagna. Se per l’albanese – consigliato dall’amico Reja – si lavora in ottica giugno (il Napoli vuole prenderlo ora, come fatto con Rrhamani per anticipare la concorrenza e lasciarlo in prestito ai veneti), per lo svizzero e l’attaccante l’obiettivo è gennaio. I casi, però, sono diversi. La trattativa tra Milan e Fenerbahce per Ricardo Rodriguez è saltata (i turchi hanno problemi finanziari) e Gattuso sta spingendo con Giuntoli per avere il ragazzo già allenato in rossonero; l’elvetico, al momento, è la riserva di Pioli e verrebbe a piedi a Napoli, città che gradisce molto, nella squadra allenata da Gattuso, con cui il feeling era straordinario. Nonostante le difficoltà nel piazzare Ghoulam ed il suo lauto ingaggio, De Laurentiis – rinvigorito anche dalle vittorie contro Lazio e Juve – sarebbe anche pronto ad accontentare il tecnico ingaggiando il terzino ma a cifre ragionevoli. Per Petagna, invece, la volontà della Spal, al momento è ferrea; l’offerta di 22 milioni più bonus è più che allettante, il ragazzo sarebbe entusiasta di venire a Napoli ma gli emiliani devono salvarsi ed hanno bisogno del loro bomber. Ecco perché potrebbe, alla fine, essere un acquisto in ottica giugno, proprio come accaduto per Rrhamani, con Pinamonti – al momento – in seconda fila. Una vera e propria rivoluzione, insomma; movimenti, però, studiati a tavolino con il tecnico e la dirigenza al completo in vista dell’estate. De Laurentiis, infatti, è pronto a cedere gran parte dei senatori; ecco perché ha anticipato le prime operazioni, proprio per “portarsi avanti” in vista del mercato estivo. Koulibaly, Allan e Fabian Ruiz i primi indiziati a partire, Callejon e Mertens in bilico (lo spagnolo non rinnoverà, sul belga c’è un grande punto interrogativo) ma tutti sono sotto esame e, in caso di offerte adeguate, saranno lasciati andare. D’altronde, il bilancio – salvo miracoli – non avrà l’ossigeno degli introiti derivanti dalla Champions League.  

28 Gennaio 2020 21:31 - Ultimo aggiornamento: 28 Gennaio 2020 21:31
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi