10 Aprile 2020 - Aggiornato alle 12:39
SPORT
Casa Napoli: "Ciro Mertens non si tocca" di Giovanni Spinazzola
27 Febbraio 2020 16:25 —

“Ciro non si tocca”. Il coro è unanime da parte dei tifosi del Napoli, soprattutto dopo la rete magnifica segnata contro il Barcellona. Mertens è un patrimonio azzurro da tutelare e blindare, con un contratto a vita, più che meritato per l’amore dimostrato fin qui alla maglia. Il belga è ormai calato perfettamente nel tessuto cittadino, è di fatto uno scugnizzo napoletano nato, per sbaglio, a Lovanio. I tifosi sono pazzi di lui, tanto da averlo rinominato “Ciro”, un nome, rispetto a Dries, decisamente più consono sotto al Vesuvio. E lui se ne compiace quasi. Sette anni di azzurro addosso, sette anni di Napoli, in cui ha mostrato le bellezze della città nel mondo, fino ad imparare qualche parola in napoletano e ad ascoltare i cantanti neomelodici. I tifosi, ora, hanno paura che nel prossimo giugno si possa mettere la parola fine al matrimonio ed è per questo che sono in allerta. Nessuno vuole sentir ragioni; non c’è prezzo che tenga, Dries va tenuto a tutti i costi. Anzi, dev’essere il pilastro da cui ripartire nella prossima stagione. E dalla sua parte, dopo lo scetticismo iniziale, si è schierato anche Gattuso che avrebbe chiesto alla società il prolungamento del belga. Attaccante atipico ma cecchino quasi infallibile il belga, con uno spirito di sacrificio encomiabile come visto nelle ultime gare ed evidenziato dallo stesso Ringhio nelle conferenze stampa. Il classe ’87, d’altronde, non chiede di meglio che continuare la sua avventura in riva al Golfo. Il suo obiettivo, addirittura, è a lunga scadenza ed ambizioso; finire la carriera a Napoli e diventare dirigente della squadra, magari creando un ponte con il suo Belgio per portare in azzurro i talenti di quella magnifica terra. Il gol contro il Barcellona, poi, ha riscritto i libri della storia azzurra; Dries, infatti, ha eguagliato a quota 121 reti Marek Hamsik ed ora è pronto a staccarlo, diventando, così, il marcatore più prolifico del Napoli. Non potrà farlo sabato contro il Torino perché infortunatosi proprio contro i catalani; il belga, infatti, ha riportato un forte trauma contusivo alla caviglia destra e sarà valutato giorno dopo giorno. Intanto la società è ferma sul biennale da 4,5 milioni di euro a stagione; il 14 azzurro ci sta pensando, vorrebbe un bonus alla firma ma, nel frattempo, avrebbe chiuso al momento ad altre squadre. Priorità al Napoli, alla maglia azzurra, una sorta di seconda pelle ormai come ha dimostrato anche in occasione del gol, festeggiato portando il dito sullo stemma. Dries ed il Napoli, un amore che non può finire.  

27 Febbraio 2020 16:25 - Ultimo aggiornamento: 27 Febbraio 2020 16:25
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi