12 Dicembre 2019 - Aggiornato alle 06:51
SPORT
Casa Napoli: "Crisi a parte, gli azzurri svantaggiati dagli arbitraggi" di Giovanni Spinazzola
12 Novembre 2019 16:20 —

Il Napoli è in crisi, non vince dallo scorso 23 ottobre (sera di Salisburgo-Napoli di Champions League ndr) ed in campionato è reduce da tre punti nelle ultime quattro gare, una media da retrocessione, altro che scudetto. Lo spogliatoio è spaccato come vi abbiamo ampiamente raccontato e la squadra è scivolata al settimo posto in classifica. Tutto ciò, però, non può certo far passare in secondo piano gli errori arbitrali subiti dai partenopei. Sembra quasi vi sia un ordine ben preciso; la formazione di Carlo Ancelotti non può avere rigori a favore. Arbitri ciechi, VAR non funzionante ma solo se si tratta di concedere la massima punizione al Napoli. Inizia a diventare una situazione anomala, anche perché la squadra – senza errori arbitrali – sarebbe addirittura al primo posto. Senza andare indietro, partendo da inizio campionato (mani di Zielinski sanzionato contro la Fiorentina, stesso di De Ligt contro il Torino ma non fischiato) ma limitandoci alle ultime settimane, al Napoli mancano almeno quattro punti nella sua classifica. Contro l’Atalanta Fernando Llorente fu vittima di un colpo da wrestler di Kjaer, disinteressatosi completamente del pallone; sul prosieguo dell’azione i bergamaschi pareggiano. Sarebbe rete da annullare e rigore per gli azzurri ma l’arbitro incredibilmente non assegna la massima punizione. Ultimo caso sabato scorso contro il Genoa; Lerager, in barriera ed in area di rigore, intercetta con un braccio larghissimo (non può essere a protezione del viso) una punizione calciata da Mertens. Sarebbe rigore anche qui, ma nulla. Assurdo, incredibile, imponderabile. Rizzoli e Nicchi continuano nel loro silenzio, decisamente assordante ed inspiegabile, perché è doveroso che qualcuno spieghi perché al Napoli non sono stati concessi due rigori nettissimi, magari provando a dar una giustificazione che abbia un senso, tra direzioni di gara scellerate e protocolli divenuti, ormai, carta straccia. Il Napoli è in crisi, certo, ma non c’è bisogno che venga affossato ulteriormente dagli arbitri; basterebbe solo fischiare e concedere quanto meritato, il giusto. Ma la giustizia, almeno in questo campionato di Serie A, sembra non esserci. Non siamo ancora alla malafede, però a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si indovina… 

12 Novembre 2019 16:20 - Ultimo aggiornamento: 12 Novembre 2019 16:20
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi