24 Gennaio 2021 - Aggiornato alle 12:20
SPORT
Casa Napoli: "I tifosi sono in disaffezione" di Giovanni Spinazzola
14 Gennaio 2021 17:22 —

Disaffezione. E' questo il termine giusto per esprimere lo stato d'animo dei tifosi del Napoli in un momento storico complicato per il calcio italiano. I partenopei, nelle ultime settimane, stanno decisamente faticando; il gioco è deludente, i gol subiti a iosa, quelli sbagliati pure. Una situazione che ha fatto perdere un'enormità di punti alla squadra azzurra, incapace di approfittare della rivoluzione attuata in casa Juve. Tra la fine del 2020 e l'inizio del nuovo anno, gli azzurri hanno perso due punti contro il Torino e tre con lo Spezia; cinque nelle ultime quattro giornate, un bottino che avrebbe permesso alla squadra di Gattuso di essere al terzo posto a quota 36, a -4 dal Milan capolista e con una gara in meno rispetto ai rossoneri (e non contiamo gli altri punti persi per strada in precedenza, ndr). Il Napoli, invece, è quinto con 31 punti a nove lunghezze dalla battistrada. Anche ieri contro l'Empoli la squadra ha faticato più del previsto nonostante la categoria di differenza, e sono tutti sul banco degli imputati; a partire dal presidente incapace di rinforzare la squadra con un terzino sinistro di qualità (il Chelsea ha messo in vendita Emerson Palmieri), fino ai calciatori, gli artefici principali dello scempio visto nelle ultime settimane passando per il tecnico sotto accusa per il modulo ed alcune scelte che destano perplessità. Ed i tifosi, colpa anche l'impossibilità di andare allo stadio e la crisi economica che ha colpito l'Italia, non hanno più il Napoli al primo posto nelle priorità; delusi, perché pensavano di poter lottare per il titolo, sono quasi indifferenti ora alle prove di Insigne e compagni. Un danno gravissimo, considerata l'importanza dei supportes azzurri, i più caldi d'Italia. Il Napoli, con ogni probabilità, ha pagato anche e soprattutto nelle gare casalinghe l'assenza di pubblico, ma qualche fischio con i tifosi al Maradona, ne siamo certi, si sarebbe abbattuto sui calciatori. Mertens e compagni, ora, si regolino di conseguenza, già a partire da domenica, contro la Fiorentina e mercoledì prossimo, quando a Reggio Emilia sarà tempo di Supercoppa italiana contro la Juve.

14 Gennaio 2021 17:22 - Ultimo aggiornamento: 14 Gennaio 2021 17:22
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi