02 Giugno 2020 - Aggiornato alle 15:34
CRONACA
Caserta: Sequestrato a Maddaloni un rimessaggio abusivo di camion, due cisterne con 6.000 litri di gasolio di contrabbando e centinaia di tonnellate di rifiuti pericolosi abbandonati sul terreno
20 Aprile 2020 11:19 —

La Guardia di Finanza di Marcianise ha individuato e sottoposto a sequestro nel Comune di Maddaloni un’area di circa 6.000 mq adibita a rimessaggio per veicoli commerciali in assenza di qualsiasi autorizzazione e utilizzata anche per lo stoccaggio illegale di rifiuti pericolosi.

I finanzieri hanno eseguito l’accesso presso l’attività nell’ambito dei servizi di controllo del territorio predisposti a seguito dell’emergenza sanitaria da COVID-19, al fine di verificare il rispetto delle prescrizioni previste dal D.P.C.M. 10 aprile 2020 da parte delle attività commerciali, produttive e industriali.

L’area ispezionata è risultata gestita abusivamente quale ricovero di mezzi pesanti e al suo interno erano state collocate anche due cisterne di carburante, messe in opera in assenza di licenza di esercizio e certificazione di prevenzione incendi, che erano collegate a due colonnine con relative pistole erogatrici e contenevano circa 6.000 litri di gasolio di provenienza illecita.

Sulla stessa area erano state, poi, ammassate oltre 800 tonnellate di rifiuti pericolosi, perlopiù carcasse di veicoli commerciali, macchine industriali, pneumatici, rottami ferrosi e materiale plastico, smaltiti senza il rispetto di qualsivoglia norma in materia ambientale. Inoltre, molti dei rifiuti pericolosi stoccati si trovavano a diretto contatto con il terreno rilasciando evidenti percolazioni nel sottosuolo, con il concreto rischio di compromissione delle falde acquifere sottostanti.

Il responsabile dell’area, che non è stato in grado di fornire alcuna documentazione giustificatrice relativamente al materiale presente e al prodotto energetico rinvenuto, è stato quindi denunciato alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere per i reati di sottrazione al pagamento dell’accisa su prodotti energetici e gestione non autorizzata di rifiuti e ora rischia fino a cinque anni di reclusione.

Come da prassi, le Fiamme Gialle eseguiranno ulteriori approfondimenti per ricostruire la reale provenienza e il quantitativo esatto di gasolio importato nel corso del tempo in completa evasione d’imposta.

Anche questo intervento testimonia l’impegno dei reparti della Guardia di Finanza nel presidiare il territorio per individuare le attività economiche che continuano ad operare anche nel corso dell’attuale emergenza sanitaria con metodologie illecite e con danno per l’ambiente e l’economia sana locale, già minata dalla sfavorevole congiuntura in atto.

20 Aprile 2020 11:19 - Ultimo aggiornamento: 20 Aprile 2020 11:19
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi