22 Ottobre 2019 - Aggiornato alle 18:50
CRONACA
CEDU: Di Giacomo, "Mafiosi ergastolani e assassini presto fuori dal carcere. Per Calabria, Sicilia, Campania e Lombardia sarebbe la resa assoluta dello Stato"
07 Ottobre 2019 11:38 — Così il Segretario Generale del Sindacato di Polizia Penitenziaria.

"Il solo pensiero che i familiari dei due poliziotti di Trieste - Rotta e Demenego – morti, come dice il gip di Trieste Massimo Tomassini, senza che si sappia il perché, da qui a qualche anno, quando la tragedia sarà dimenticata, ma non il dolore dei familiari e di chi ogni giorno rischia la propria vita per la sicurezza dei cittadini, si ritrovino per strada l'assassino Meran, pronto a sbeffeggiarli, mi fa accapponare la pelle. È purtroppo un'evenienza sempre più concreta appesa ad una sentenza della Corte Europea di Strasburgo (CEDU) attesa per domani sul cosiddetto “ergastolo ostativo” che, purtroppo, non riguarda solo i mafiosi”. È quanto sostiene il segretario generale del Sindacato Polizia Penitenziario Aldo Di Giacomo che aggiunge: “la decisione del CEDU potrebbe rappresentare la sponda di cui il Governo Italiano, non nuovo ad ipotesi di attenuazione prima e abolizione poi del 41 bis, attende per procedere lungo il percorso di buonismo e di “redenzione” totale di qualsiasi categoria di detenuti. Dunque quello che è uno strumento fortemente voluto dai giudici Falcone e Borsellino è altrettanto strenuamente osteggiato dai mafiosi capimafia, al punto che Totò Riina lo inserì in cima al ben noto "papello” - consegnato dopo le stragi del 1992, per l'abolizione del carcere duro per i boss – dice ancora Di Giacomo – rischia di trasformarsi da “fine pena mai” a “porte girevoli del carcere”. Come se non bastassero tutti i benefici – dalla semilibertà ai permessi-premio – l'eccesso di fiducia, perché di questo si tratta, si traduce nei numerosissimi episodi di cui la cronaca è piena con detenuti che evadano, detenuti in permesso-premio che uccidono o rapinano. Per il S.PP. “bisogna mettere fine a questa situazione che è un pericolo per i cittadini e più direttamente per il personale penitenziario, di fatto delegittimato dalle sue funzioni e dai suoi compiti. Il nostro – continua Di Giacomo – è un campanello d'allarme che abbiamo già suonato più volte: i mafiosi e gli uomini della criminalità organizzata intendono imporre il proprio controllo in carcere e non aspettano altro che nuovi segnali di resa da parte dello Stato. Non dimentichiamo il precedente: lo scorso 13 giugno la Cedu si è espressa in maniera favorevole sul ricorso presentato da un boss mafioso, Marcello Viola (capo di una 'ndrina calabrese di Taurianova, condannato a quattro ergastoli per omicidi plurimi, occultamento di cadavere, sequestro di persona e detenzione di armi), dando torto allo Stato Italiano. Nella sentenza si censura come “trattamento inumano e degradante” l’istituto giuridico del cosiddetto “ergastolo ostativo”. In totale sono 957 le persone soggette al provvedimento che aspettano quel segnale di resa dello Stato.

07 Ottobre 2019 11:38 - Ultimo aggiornamento: 07 Ottobre 2019 11:38
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi