02 Giugno 2020 - Aggiornato alle 16:46
CRONACA
Coronavirus: Effettua il tampone e poi va in escandescenza. Intervengono Carabinieri con tuta e dispositivi di protezione e il personale 118 e viene ricoverato in psichiatria per la quarantena
27 Marzo 2020 19:00 —

Un uomo di Giugliano ha prima litigato con il padre e poi ha dato in escandescenze tra le strade della città. Il vicinato ha chiamato il 118. Quando il personale sanitario è arrivato ha riconosciuto l’uomo: in mattinata aveva effettuato il tampone per la diagnosi del covid 19 per sintomi tipici del nuovo coronavirus. Era troppo agitato e bisognava calmarlo per portarlo in ospedale ma l’uomo poteva essere anche contagioso e pericoloso per i cittadini. Lo psichiatra dell’Asl ha chiamato i carabinieri. I militari della locale stazione e quelli della sezione radiomobile sono arrivati sul posto e - accertato che l'uomo avesse fatto il tampone - hanno indossato la tuta del kit NBC in dotazione all’Arma (si tratta, nella sostanza, di tute, maschere e filtri d'aria che proteggono dalle infiltrazioni di gas, agenti batteriologici e particelle radioattive n.d.r) aiutando così i medici che lo hanno sedato e portato nel reparto di psichiatria in regime di quarantena.

27 Marzo 2020 19:00 - Ultimo aggiornamento: 27 Marzo 2020 19:00
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi