17 Giugno 2021 - Aggiornato alle 08:24
MONDO ANIMALE
Cosa fare se il nostro amico a quattro zampe ha problemi comportamentali
05 Maggio 2021 15:49 —

Che cosa e di chi ha bisogno un cane con problemi comportamentali?

Prima di tutto della disponibilità dei suoi padroni, perché sono loro che devono essere convinti e consapevoli che il proprio cane ha dei problemi, e quindi devono essere decisi a correggerli. Poi c’è bisogno del supporto di una struttura adeguatamente attrezzata, che è di fondamentale importanza ai fini della rieducazione stessa.

Di solito l’origine del problema sta sempre nella difficoltà che ha il padrone a controllare il proprio cane, ma al tempo stesso nell’autocontrollo che il cane ha su di se (capacità di autocontrollo); questi due aspetti sono due facce della stessa medaglia e sono l’origine di tutti i problemi di convivenza tra il cane e il suo padrone. Di solito un educatore esperto indirizza il suo lavoro su questi due aspetti, affinché entrambi prendano coscienza l’uno e dell’altro, capendo ciò che deve essere eliminato o aggiunto per migliorare la qualità della vita di entrambi; in un primo momento, quindi si cerca di migliorare l’attenzione del cane sul padrone, che inizia a comunicare con la soggettività del cane, il quale a sua volta inizia ad elaborare nuovi concetti essenziali per affinare le sue capacità di autocontrollo.

La convivenza civile si fonda, dunque, sulla conoscenza corretta di alcuni presupposti. La rieducazione del cane va, in ogni caso, trattata in luoghi idonei, in ampi spazi attrezzati possibilmente nel verde, accoglienti, sicuri e recintati; al fine di mettere a proprio agio l’istruttore, i padroni e il cane, i quali dovranno essere nella condizione di recepire nel modo migliore e serenità i consigli e gli esercizi dell’istruttore. Questo momento didattico deve essere di totale relax, lontano dallo stress cittadino che spesso acutizza le problematiche comportamentali; un posto dove poter liberare il cane, senza guinzaglio, con la possibilità di fare anche socializzazione con cani socializzati. Un altro aspetto importante è quello di seguire corsi di educazione o di rieducazione con costanza, evitando lunghi periodi d’interruzione. L’educatore ha infatti il compito di istruire i padroni alla conoscenza del proprio amico cane; sono gli stessi padroni a dover affrontare le problematiche seguendo i consigli dell’educatore, sia durante le lezioni che a casa.

Domenico Esposito

05 Maggio 2021 15:49 - Ultimo aggiornamento: 05 Maggio 2021 15:49
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi