24 Gennaio 2021 - Aggiornato alle 12:55
POLITICA
Covid-19: Cantalamessa (LEGA), "Le mani della camorra sulla crisi sono il peggio con cui si poteva concludere il 2020"
30 Dicembre 2020 14:33 —

"La camorra che mette le mani sulle aziende in crisi è l'epilogo più amaro, eppure prevedibile della crisi da coronavirus", così il deputato napoletano Gianluca Cantalamessa, capogruppo della Lega in Commissione Antimafia. "Avevamo ed era stato lanciato l'allarme, ma è servito a poco: il peggio è già realtà. Riciclaggio, interposizione fittizia, le mani sui negozi con saracinesche abbassate: è questo il brutale bilancio della crisi in Campania.  Il sistema criminale cittadino ha puntato su volti apparentemente puliti. Prestanome pronti a tutto e che oggi sono la punta dell'iceberg della criminalità a Napoli.  Il Prefetto di Napoli ha già firmato 80 interdittive antimafia a carico di società sul mercato", aggiunge Cantalamessa, "ma la situazione è tale che tutto ciò è solo l'inizio di una terribile catastrofe. E la magistratura ne è convinta per la prima volta, forse, all'unanimità. Ecco l'ennesimo insuccesso di questo esecutivo", conclude il parlamentare napoletano.

30 Dicembre 2020 14:33 - Ultimo aggiornamento: 30 Dicembre 2020 14:33
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi