25 Novembre 2020 - Aggiornato alle 11:36
POLITICA
De Luca: "C'è qualche imbecille di amministratore della Campania che viene invitato e va in giro per le televisioni semplicemente per parlare male di Napoli e della Campania"
06 Novembre 2020 16:36 — "Questi soggetti vengono ormai utilizzati come lo scemo del paese per parlare male di Napoli e della Campania".

Nella sua consueta diretta del venerdì, il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca è andato giù duro riferendosi a "qualche amministratore della Campania, senza fare nomi, definito lo "scemo del paese" che va in giro per le televisioni solo per parlare male di Napoli e della Campania. Riportiamo di seguito una parte del suo intervento: "Abbiamo verificato con curiosità la sorpresa che ha avuto qualcuno che si aspettava, quasi voleva, che la Campania fosse inserita fra le zone rosse. Credo che si sia determinato un pò questo fenomeno, per quasi due mesi la Campania ha subito un'aggressione mediatica, giornali e reti televisive nazionali che hanno descritto una sanità falsa e poi hanno fatto finta di sorprendersi. Per mesi abbiamo assistito a campagne scandalistiche, a interviste con uomini mascherati. Ancora in questi giorni c'è qualche imbecille di amministratore della Campania che viene invitato e va in giro per le televisioni semplicemente per parlare male di Napoli e della Campania. Amministratori che magari avranno fatto niente per le loro città, che non hanno alzato un dito per controllare la movida, per mettere ordine, cioè per dare una mano a contenere il contagio. Ebbene questi soggetti vengono ormai utilizzati come lo scemo del paese per parlare male di Napoli e della Campania. Il gioco ormai è talmente scoperto che è diventato perfino noioso. E' capitato, ricorderete il film di Totò e Peppino quando sono andati a Milano vestiti con le pellicce e con il colbacco e quando Peppino diceva a Totò "ma guarda che io tutto questo freddo non lo sento a Milano" Totò rispondeva "a Milano non può fare caldo e Peppino ripeteva ma guarda che io sento caldo. E sarà un caldo freddo". E' capitata la stessa cosa per Napoli e per la Campania. Napoli e la Campania non possono essere considerate regioni di eccellenza, devono essere per forza il degrado e il disastro. Siamo veramente spiacenti ma non è andata così. Allora, io vorrei lanciare un appello ai nostri concittadini all'unità, alla responsabilità e all'orgoglio di Napoli e della Campania. L'orgoglio di Napoli e della Campania, per il lavoro che stiamo facendo.

06 Novembre 2020 16:36 - Ultimo aggiornamento: 06 Novembre 2020 16:36
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi