11 Novembre 2019 - Aggiornato alle 20:53
SPORT
Dimaro: Mertens, "I tifosi ci possono aiutare tantissimo"
23 Luglio 2019 19:58 —

Unica sessione giornaliera per il Napoli nel 18mo giorno di ritiro a Dimaro-Folgarida, nella splendida cornice della Val di Sole, in Trentino. Gli azzurri, dopo il consueto lavoro di prevenzione in palestra, hanno svolto riscaldamento ed esercizi con l'ausilio di ostacoli bassi; poi torello con la rosa divisa in gruppi e seduta tecnica con partitina 9 contro 9. Chiusura con lavoro di scarico in palestra. Nel pomeriggio riposo. La squadra tornerà in campo domani mattina e nel pomeriggio affronterà la terza amichevole a Dimaro contro la Cremonese.

Dries Mertens, intanto, ha parlato ai microfoni della radio ufficiale.

"Sono a Napoli da sei anni e questo sarà il settimo. Siamo cresciuti tantissimo. Credo cha siamo arrivati ad un punto di maturazione molto importante. Siamo un gruppo forte che può vincere. Anche la Società si è consolidata sempre più nel tempo, credo che siamo giunti all'apice per riuscire ad affermarci come meritiamo. La Juventus è forte, vince da sette anni in Italia ed ha anche preso un allenatore al quale devo tanto, ma uno scudetto a Napoli non avrebbe paragoni e precedenti. Il San Paolo? I tifosi ci possono aiutare moltissimo. Abbiamo anche uno stadio rinnovato ed abbiamo bisogno che la gente ci stia accanto perché è la nostra forza più grande. Darei il corpo per lo scudetto? Sì ma non per uno scudetto qualsiasi, darei tutto per uno scudetto a Napoli. Vincere qua è qualcosa di unico e straordinario. Potrebbe essere il più grande coronamento di una carriera".

Dichiarazioni anche per Kostas Manolas, stavolta ai microfoni di Sky Sport, dal quale ha lanciato la sfida scudetto.

"Le impressioni sono positive. Ci stiamo allenando con intensità, sempre con la palla tra i piedi. Il Napoli è una squadra forte e tecnica, mi piace molto. Il gol alla prima? Il gol non è importante, conta aiutare la squadra a centrare l'obiettivo. Ho scelto Napoli perché è vicino alla Juve e può fare il salto di qualità. La società sta prendendo nuovi giocatori forti, ho scelto il Napoli perché voglio vincere. Coppia con Koulibaly? Kalidou è un difensore forte, ha mostrato il suo valore dentro e fuori dal campo. Spero che possiamo trovarci bene insieme perché una squadra di livello inizia proprio dalla difesa. Chi mi ha stupito?  Qui ci sono tanti giocatori forti, mi piace molto Zielinski così come Insigne e Mertens. Come interrompere il dominio della Juve? Nel calcio è tutto possibile, noi dobbiamo fare il nostro lavoro e cercare di vincere più partite possibile. Sono convinto che siamo in grado di farlo. Voglio fare del mio meglio, aiutare il Napoli e vincere ovviamente qualche trofeo. Ancelotti? Per lui parlano i numeri. Carlo è una bella persona e un grande allenatore, tutti i giocatori gli vogliono bene. Mi può aiutare tanto, ogni giorno si può e si deve migliorare. Il momento negativo di Nainggolan? Mi sorprende, Radja è un ragazzo d'oro. Quando c'è con la testa per me è tra i più forti del nostro campionato. Gli voglio bene, è uno dei miei migliori amici nel calcio e gli auguro il meglio. Se lo merita, è un calciatore fortissimo. De Rossi al Boca? De Rossi è un capitano vero, mi ha dato molto. Lo adoro, mi ha sempre aiutato coi consigli giusti. Peccato che non possa chiudere la sua carriera in Italia, gli faccio un grande in bocca al lupo per il Boca. Sono sicuro che farà bene, è un campione".

Giovanni Spinazzola

23 Luglio 2019 19:58 - Ultimo aggiornamento: 23 Luglio 2019 19:58
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi