16 Settembre 2021 - Aggiornato alle 13:40
SPORT
"E' il giorno di Napoli-Juventus, la sfida storica" di Giovanni Spinazzola
11 Settembre 2021 12:02 —

“Per motivi storici e sociali sappiamo che i tifosi della Juventus sono per gran parte del Sud, ma c’è un Sud che non tiferà mai Juventus e questo Sud sta a Napoli. Essere napoletani e tifare Napoli è l’unica cosa che conta e questo dobbiamo saperlo noi” le parole di Luciano Spalletti nella conferenza stampa della vigilia.

Il tecnico ha così caricato l’ambiente, la squadra perché sente l’odore del sangue e ne vuole approfittare.

La Juventus è in emergenza, è in difficoltà, non avrà a disposizione molti titolari e la possibilità di spedirla a -8 è davvero troppo ghiotta per non approfittarne. Gli azzurri, al loro fianco, avranno il 12mo uomo in campo, il Maradona tutto esaurito – rispettando le limitazioni imposte dal Covid naturalmente – e questo darà una spinta ulteriore. Non servirà l’impresa, perché questo Napoli ha dimostrato di essere forte, in grado di giocarsela contro tutto e tutti; basterà giocare con grande attenzione, seguendo i nuovi dettami imposti dal tecnico.

È una sfida storica, una rivalità accesissima tra partenopei e bianconeri ed ogni calciatore azzurro lo sa bene. In settimana, poi, De Laurentiis ha anche caricato l’ambiente, ricordando non troppo velatamente come lo scudetto del 2018 sia stato scippato dai bianconeri, anche sfacciatamente. Vincere oggi darebbe una grande spinta alla stagione, anche dal punto di vista motivazionale; punteggio pieno dopo tre giornate e via sulle ali dell’entusiasmo. Juve in emergenza, dicevamo, ma anche il Napoli ha defezioni importanti, ad iniziare dal centrocampo; Demme e Lobotka ko, Zielinski da valutare e subito gettato nella mischia Franck Zambo Anguissa, l’ultimo acquisto estivo, titolare annunciato d Spalletti ieri in conferenza. Ghoulam e Mertens, invece, non sono ancora pronti. La gara sarà diretta da Irrati, con Passeri e Costanzo guardalinee; IV uomo Ayroldi mentre al VAR ed all’AVAR ci saranno, rispettivamente, Mariani e Meli.

Spalletti dovrebbe confermare il 4-3-3 con Ospina tra i pali, unica variazione al pacchetto arretrato visto nelle prime due giornate; Manolas e Koulibaly al centro con Di Lorenzo e Mario Rui terzini. In mediana Fabian Ruiz, Anguissa ed Elmas, di fatto gli unici arruolabili, mentre in attacco certi di una maglia da titolare Insigne ed Osimhen. Ballottaggio sulla destra tra Politano e Lozano.

Sarà 4-3-3 a specchio anche per Allegri che ha deciso di non convocare tutti i sudamericani; sarà una formazione rimaneggiata con De Sciglio e Pellegrini terzini mentre al centro i soliti noti Bonucci e Chiellini davanti a Szczesny. In mediana MvKennie, Locatelli e Rabiot mentre il tridente sarà composto da Morata affiancato da Bernardeschi e Kulusevski. Chance, però, anche per Moise Kean.

Probabili formazioni

NAPOLI (4-3-3): Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Fabian Ruiz, Anguissa, Elmas; Politano, Osimhen, Insigne. All. Spalletti.

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Pellegrini; McKennie, Locatelli, Rabiot; Bernardeschi, Morata, Kulusevski. All. Allegri.

11 Settembre 2021 12:02 - Ultimo aggiornamento: 11 Settembre 2021 12:02
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi