23 Settembre 2019 - Aggiornato alle 19:27
SPORT
Fiorentina-Napoli: 3-4. Vola la coppia Insigne-Mertens
25 Agosto 2019 19:18 —

Nella prima giornata di campionato ciò che conta più di tutto sono i tre punti. Il Napoli li ha portati a casa e questa è la notizia migliore per gli azzurri; risposta alla Juve vittoriosa nel pomeriggio e via alla settimana infuocata che condurrà allo scontro diretto. Il successo, dicevamo, non può non far sorridere a 32 denti. Nella prima gara importante, quella che metteva in palio punti pesanti, la squadra azzurra non ha sbagliato. E le premesse per un passo falso c'erano tutte. In casa viola si respira un'aria di entusiasmo puro, complice la nuova proprietà ed i tanti milioni di euro spesi sul mercato. Franchi pieno e situazione ambientale non certo delle migliori. Gli azzurri, poi, sono andati pure sotto con un rigore concesso molto generosamente e sembrava già di sentire le voci sui detrattori. Ed invece la squadra ha reagito alla grandissima, pur nelle difficoltà. Quali? Milik infortunato e nemmeno convocato, Koulibaly con appena nove giorni di preparazione nelle gambe e Lozano disponibile solo a partire da lunedì. Insigne e compagni, invece, sono stati più forti delle avversità. Proprio il capitano è stato la nota più lieta della serata; Lorenzo si è caricato la squadra sulle spalle ed ha mostrato grande carattere. Piazzato nella sua posizione più congeniale, il 24 ha regalato lampi di classe con una doppietta e due assist, mettendo il piede in tutti i gol azzurri ed aiutando anche in difesa. È tornato "il magnifico" proprio a Firenze e bravissimo Ancelotti a venirgli incontro dopo il colloquio di inizio stagione. Lorenzo, ma anche Callejon e Mertens. I tre tenori sono state le note liete della serata, del 4-2-3-1 di Re Carlo che pure ha mostrato qualche crepa. Se l'attacco, infatti, è sembrato devastante, con lo spagnolo ed il belga (bellissime le loro reti) a tratti imprendibili, non si può dire altrettanto della difesa  a partire dai due centrocampisti. Serve, infatti, tantissimo sacrificio da parte dei mediani per gli equilibri e la coppia Allan-Zielinski ha lasciato un po' a desiderare. Il brasiliano è apparso in grave ritardo di condizione (si è unito ai compagni ad inizio agosto, a Miami) mentre il polacco ha giocato - come spesso gli accade - a corrente alternata. Non può bastare, perché poi i tre gol incassati sono frutto degli squilibri in fase passiva. Fabian Ruiz, piazzato sulla trequarti, ha mostrato di dover ancora assorbire il nuovo ruolo e l'ingaggio di James Rodriguez appare sempre più necessario per questo nuovo Napoli di Ancelotti. Sul piano fisico, invece, la squadra non è apparsa brillante, anzi; troppo statica, almeno all'inizio e "pesante", come se non avesse ancora smaltito i carichi di lavoro. Rimontare la Juve, però, non appare facile come con la Fiorentina; una settimana per ritrovare la brillantezza necessaria in vista del big match dev'essere sufficiente alla squadra azzurra. Chiosa finale per gli imbecilli piazzati dietro la panchina di Ancelotti impegnati ad insultare senza motivo il tecnico piuttosto che ad incitare la loro squadra. Una pessima abitudine tutta italiana, accompagnata dai soliti cori beceri contro Napoli ed i napoletani. Quando finirà sarà sempre troppo tardi, come ammesso da Re Carlo nel postgara che, giustamente, ha poi salutato con la mano i quattro imbecilli invitandoli a tornare a casa con il poker sul groppone. Anche queste sono soddisfazioni, sperando che il tecnico possa togliersi qualche sassolino dalla scarpa anche a Torino, altro stadio nemico, sia di Re Carlo che dei napoletani. Chiamateci pure malpensanti, ma siamo sicuri che anche allo Stadium sentiremo i soliti cori. D'altronde la madre degli stupidi è sempre incinta, in alcune città e tifoserie più che mai.

Giovanni Spinazzola

25 Agosto 2019 19:18 - Ultimo aggiornamento: 25 Agosto 2019 19:18
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi