25 Maggio 2018 - Aggiornato alle 13:08
CRONACA
GdF: In corso alto impatto a Prato contro la contraffazione. Oltre 120 finanzieri impegnati
15 Febbraio 2018 12:56 —

Alle 9,00 odierne è scattata nell’area del “Macrolotto Pratese” l’Operazione “Alto Impatto” che si inserisce nel quadro delle iniziative predisposte dalla Guardia di Finanza allo scopo di intensificare, nell’ambito del controllo economico del territorio, il contrasto ai fenomeni di illegalità presenti sul territorio pratese connessi - prevalentemente - all’insediamento ed al massiccio radicamento della comunità cinese. L’attività operativa in corso, portata avanti da oltre 120 finanzieri del Comando Regionale Toscana, con il supporto di un elicottero e unità cinofile, ha lo scopo di contrastare gli effetti riconducibili a illeciti fenomeni tra cui: il contrabbando; la contraffazione e sicurezza prodotti; il controllo dei money transfer; il lavoro nero e irregolare; l’immigrazione clandestina; lo spaccio di sostanze stupefacenti, che hanno prodotto in questo delicato contesto territoriale anche una serie di criticità economiche e sociali, finendo per danneggiare gli imprenditori onesti. L’impegno odierno si inquadra tra le iniziative operative portate avanti in continuità dalla Guardia di Finanza a presidio dell’economia legale che nel 2017, nel comprensorio Pratese ha condotto al recupero di 140 milioni di euro di base imponibile sottratta a tassazione nonché oltre 40 milioni di I.V.A. evasa, da parte di imprese siniche. Scoperti 83 evasori totali rappresentati da soggetti economici di etnia cinese. Le indagini patrimoniali, alcune delle quali nei confronti di esponenti di spicco delle locali consorterie del crimine organizzato, svolte nei confronti di 187 persone e società collegate, hanno portato a segnalare all’Autorità Giudiziaria misure ablative per oltre 10 milioni di euro, di cui circa 3 milioni già eseguiti con il sequestro di beni mobili ed immobili. Sono stati effettuati 960 interventi in materia di controlli sulla movimentazione transfrontaliera di valuta, con oltre 6,5 milioni di denaro contante e titoli intercettati ai cash courier. 174 gli interventi anticontraffazione e antiabusivismo commerciale, con la denuncia di 183 persone all’A.G. a cui sono stati sequestrati complessivamente oltre 1,4 milioni di articoli, di cui 1,2 milioni di capi di abbigliamento, borse, articoli di moda in pelle contraffatti o recanti falsa o fallace indicazione di origine o provenienza; oltre 1,3 milioni di prodotti non sicuri (beni di consumo, prodotti elettronici, giocattoli, ecc.) ritirati dal mercato. Sequestrati per contrabbando doganale oltre 3 milioni di metri lineari di tessuto utilizzato delle locali aziende tessili cinesi. I reparti pratesi hanno effettuato 24 accessi ispettivi ad imprese cinesi in 19 capannoni industriali, con il sequestro di 6 immobili per reati o gravi violazioni alla sicurezza dei luoghi di lavoro e 158 macchinari. In tale ambito sono stati scoperti 58 lavoratori in nero o irregolari e immigrati clandestini. Tali illegalità dispiegano un effetto pervasivo sul mercato e sulla libera concorrenza tra aziende, particolarmente deleterio alla luce della crisi economica che ha investito il Paese nell’ultimo decennio, non escluso proprio il distretto industriale pratese, con riflessi di natura criminale percepiti in maniera crescente anche dalla popolazione cittadina. Nondimeno, l’attività in rassegna si prefigge di aumentare il senso di sicurezza percepita dal cittadino e soprattutto tutelare quanti osservano correttamente le regole. Gli esiti dell’operazione di servizio, che sta dando risultati positivi, verranno resi noti nella giornata di domani, venerdì 16 febbraio.

15 Febbraio 2018 12:56 - Ultimo aggiornamento: 15 Febbraio 2018 12:56
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi