19 Gennaio 2021 - Aggiornato alle 05:40
SPORT
Inter-Napoli: "Il Gattuso furioso" di Giovanni Spinazzola
17 Dicembre 2020 00:25 —

È un Gennaro Gattuso furioso quello che si presenta ai microfoni di Sky per analizzare la sconfitta contro l’Inter.

“A Massa ho detto che prima fa i complimenti al capitano del Napoli e due minuti dopo lo butta fuori perché lo manda a cagare. Solo in Italia capitano queste cose; gli arbitri non ti dicono nulla se in Inghilterra ti dicono ‘Fuck off’. Non si può buttare fuori il capitano del Napoli perché dopo un dubbio rigore manda a cagare l’arbitro. Significa essere permalosi e quindi non si può fare questo lavoro. Una parola ci può staccare, si gioca tanto; solo qui si espellono i calciatori per queste situazioni. Bisogna avere l’intelligenza e capire cosa c’è in palio, non si può lasciare una squadra in dieci, perché ci stiamo giocando tanto. Un ‘Vaffan***o’ ci può stare dopo un rigore, io allora avrei dovuto giocare una gara sì e l’altro no. Per quanto riguarda la gara, abbiamo creato molto di più”. 

“La gara è stata tattica e la mia squadra ha disputato una grandissima partita. Meritavamo di più noi, però si deve segnare, però i ragazzi hanno fatto ciò che dovevano e pure qualcosa di nuovo. Resta la prestazione, ma ora testa alla Lazio”.

Si ritorna su Insigne. “Gli ha detto ‘vai a cagare’ e l’ha espulso. In Scozia non succede nulla se dici ‘Fuck off’, ci ho giocato. È inutile fare finta di nulla; nell’80% delle occasioni facciamo passare e fina di nulla, poi ci si sveglia con la luna storta e si buttano fuori i calciatori per dimostrare di avere personalità. O vengono espulsi sempre quando dicono ‘Vaffan***o’ oppure no”.

“Mertens? Ha una distorsione alla caviglia”.

“Gara sbloccata nella ripresa? È stata di livello anche nel primo tempo. A livello tattico forse è stata brutta, ma nella ripresa riuscivamo a giocare ed è cambiata un po’. Abbiamo provato nuove soluzioni con costruzione a tre dietro e Mario Rui alto come quinto. Abbiamo sofferto poco nonostante l’Inter abbia forza fisica; tante le palle gol avute ma secondo me non ci riuscivamo nemmeno con le mani”.

“Ora – ha concluso Gattuso tornando sull’arbitro – mi sono pentito di essere tornato a parlare di arbitri. Il lavoro loro è difficile, lo so; pure io mi prendo i ‘Vaffanculo’ se in allenamento non fischio un fallo. Però un arbitro internazionale non può essere permaloso in una gara del genere perché un calciatore l’ha mandato a cagare”.

Anche Koulibaly ha analizzato la gara ai microfoni di Sky.

“È una sconfitta che fa male perché la mentalità era giusta, così come la gara; abbiamo dimostrato cose positive. Solidi per tutta la gara, peccato per il rigore. Anche in 10 abbiamo alzato il livello di gioco perciò c’è rammarico per non averla almeno pareggiata”.

“Il rosso ad Insigne? L’arbitro ha deciso così ma non ha detto cose importanti, in campo tante cose si dicono. Dispiace perché lo perdiamo per una partita almeno, sperando che non ne siano di più perché abbiamo bisogno di lui. Ma la squadra deve lavorare su questo”.

“Noi da scudetto? Lavoriamo per conquistare più punti possibili. Diciamo che lo siamo, ma la strada è lunga. Contro la Lazio proveremo a prendere punti, è molto importante anche per la nostra mentalità”.

“Se siamo più forti del Napoli di Sarri? Siamo diversi. La squadra di Sarri è il passato, quella di Gattuso è il presente e sta facendo punti. Dimostriamo di essere in grado di conquistare punti contro le grandi e di avere la mentalità giusta e poi saremo sulla stessa strada. Ogni domenica, però, sento sempre la stessa domanda”.

“La coppia Manolas-Koulibaly? L’anno scorso è stato di transizione perché mi sono dovuto adattare con l’arrivo di Kostas. Sappiamo come giocare chiunque sia in campo; il nostro obiettivo è incassare meno gol possibili perché è necessario avere la difesa migliore per stare davanti. Lavoriamo su questo ogni giorno”.

 

17 Dicembre 2020 00:25 - Ultimo aggiornamento: 17 Dicembre 2020 00:25
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi