17 Giugno 2019 - Aggiornato alle 14:57
SPORT
INTER-NAPOLI: Le pagelle di Giovanni Spinazzola
26 Dicembre 2018 23:08 —

Meret 6: sul gol non può nulla, mentre è bravissimo sull’inornata di Icardi qualche minuto prima. In avvio di gara, poi, è attento sul tiro pretenzioso da centrocampo del numero nove nerazzurro. 
Callejon 6: corre su e giù per la fascia; inizia e chiude terzino destro e dimostra di saper eseguire anche quel ruolo ma nel corso della gara agisce da esterno destro. Un po’ assente in fase offensiva. 
Albiol 6: lo spagnolo contiene bene Icardi, l’unico pericolo nerazzurro e guarda con attenzioni le incursioni di Joao Mario. 
Koulibaly 4,5: meriterebbe un bel 7 per come ha interpretato la gara ma il folle applauso all’arbitro dopo l’ammonizione costa l’espulsione a lui e la partita al Napoli. Gioca per larghi tratti con gli odiosi “buu” razzisti nelle orecchie. 
Mario Rui 6: torna titolare e presidia la corsia sinistra. Spesso in difficoltà contro Politano, riesce quasi sempre a cavarsela.
(Dal 78’ Ghoulam s.v.). 
Fabian Ruiz 5: stavolta lo spagnolo non riesce ad essere determinante; a destra, poi a sinistra, non trova mai lo spunto giusto. 
Allan 5,5: torna dal 1’ ma non è il brasiliano che siamo abituati ad ammirare. Corre su e giù per il campo senza far mancare l’apporto difensivo, ma in fase offensiva s’incaponisce senza motivo nelle azioni personali. 
Hamsik 6: poco meno di mezz’ora, prima che un infortunio lo metta ko. Fin lì, buona prova in cabina di regia a dettare i tempi di gioco. 
(Dal 24’ Maksimovic 6,5: entra a freddo e si piazza a destra nella difesa azzurra. Perisic dalle sue parti non passa mai ed il serbo anche quando si sposta al centro regala sempre grande attenzione). 
Zielinski 5: anche lui ha sulla coscienza la gara. Il polacco gioca a corrente alternata, a strappi, eppure nel finale – in inferiorità numerica – ha la palla per regalare il successo agli azzurri ma centra Asamoah appostato sulla linea. 
Insigne 4: avulso dal gioco, sempre e comunque. Una partita semplicemente da dimenticare, con errori a iosa, a ripetizione. Come se non bastasse, gli saltano i nervi – provocato da Keita - e si becca pure il rosso che gli farà saltare il Bologna. 
Milik 5,5: gioca di sponda, prova a dialogare con i compagni, ad aprire spazi. Spesso, però, sembra predicare nel deserto; deve lottare contro tutta la difesa nerazzurra. 
(Dal 70’ Mertens 5: il belga entra ma non lascia tracce). 

26 Dicembre 2018 23:08 - Ultimo aggiornamento: 26 Dicembre 2018 23:08
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi