27 Luglio 2021 - Aggiornato alle 12:07
SPORT
Juventus-Napoli: 2-1. "Peccato!" di Giovanni Spinazzola
07 Aprile 2021 23:32 —

Il Napoli ferma la sua corsa dopo quattro vittorie consecutive; nella gara più importante non riesce ad allungare la striscia positiva ed incassa un brutto stop contro una rivale diretta per la corsa alla Champions League. Un peccato davvero, perché gli azzurri, con un successo, potevano essere terzi in solitaria davanti ad Atalanta e Juve e, soprattutto, ad un tiro di schioppo dal Milan secondo. Ed invece si dovrà ricominciare nuovamente daccapo, con i partenopei chiamati a riannodare i fili con la vittoria già a partire da domenica prossima. Vietato piangersi addosso, servirà ripartire prontamente, perché, se da un lato il Napoli fa e disfa come Arianna con la tela, dall’altra l’obiettivo è sempre vivo e non si può certo mollare. Proprio come accadde in Supercoppa, il Napoli ha regalato un tempo agli avversari; la Juventus non è sembrata chissà quale squadrone, ma i partenopei ci hanno messo del loro. Anello debole la fascia sinistra, con Hysaj in balìa degli avversari e Insigne per nulla collaborativo. Cuadrado e Chiesa non sono stati sufficientemente contenuti e nella prima frazione di gioco è mancato tutto. Troppi errori, mancanza di concentrazione e forse timori reverenziali per nulla giustificati. Sta di fatto che gli azzurri hanno compiuto un deciso passo indietro rispetto alle ultime uscite. Decisamente meglio nella ripresa, con l’ingresso in campo di Osimhen; il nigeriano è tra i più in forma ed il suo contributo si è notato decisamente. Il 9 ha impegnato da solo l’intera retroguardia bianconera, proteggendo palla e conquistandosi anche il rigore, tardivo per la riapertura del match. Hanno tradito gli altri, da Mertens alla mediana, con Demme e Fabian Ruiz in ombra; ha invece confermato il suo momento positivo Di Lorenzo, sicuramente il migliore per distacco, seguito a ruota da Rrahmani che finalmente sta mostrando il suo valore anche in azzurro. È stato un mercoledì nero, ora toccherà rialzare subito la testa in vista di domenica, quando il Napoli volerà a Genova per sfidare la Sampdoria. L’imperativo, manco a dirlo, è uno solo. 

07 Aprile 2021 23:32 - Ultimo aggiornamento: 07 Aprile 2021 23:32
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi