15 Agosto 2018 - Aggiornato alle 13:23
SPORT
Juventus-Napoli: L'editoriale di Giovanni Spinazzola
23 Aprile 2018 00:51 —

Il Napoli espugna l’Allianz Stadium e riapre la corsa scudetto; un solo punto di distanza, ora, tra azzurri e bianconeri e quattro gare dal termine da vivere tutte d’un fiato. L’avevamo detto; a Torino i partenopei dovevano giocare senza nulla da perdere, con spensieratezza e, soprattutto, senza timori. Ebbene, il Napoli ha disputato la gara perfetta, giocando il solito calcio anche a Torino, unito ad un pressing asfissiante e totale, a tutto campo fin sul Gigi Buffon. Una squadra aggressiva, quella azzurra, in grado di dominare all’Allianz Stadium senza sé e senza ma, riducendo a semplice comparsa la Juventus padrona di casa, capolista e Campione d’Italia in carica. I bianconeri ci hanno capito poco o nulla, hanno provato a giocare di rimessa con le sue ali come la più piccola delle provinciali in lotta per la salvezza ed hanno perso. La fortuna aiuta gli audaci ma i tre punti sono piuttosto il giusto premio per una squadra che ha chiuso con il 60% del possesso palla e ben 12 tiri totali, quattro nello specchio che hanno costretto il portiere della Juve a ergersi muro (quasi) invalicabile, decisamente il migliore in campo per i suoi. Ed i bianconeri? Zero tiri nello specchio, il nulla assoluto. Poteva mai finire in pareggio con evidente torto per una formazione coraggiosa come quella partenopea? Evidentemente no. Ecco quindi la parabola magica di Callejon su corner all’89’, un arcobaleno per l’incornata di Kalidou Koulibaly, senegalese ma napoletano d’adozione, per la rete della gioia, del trionfo, per il giusto premio alla gara disputata dagli uomini di Sarri. Allianz Stadium violato, quindi, per la prima volta dagli azzurri, nella serata più importante. Se il centrale – super anche nell’annullare Higuain – ha segnato, se Callejon ha calciato l’angolo ed Insigne ha giocato una gara eccezionale, la vera vittoria è di Maurizio Sarri. Il tecnico ha resistito alla volontà di cambiare modulo e giocatori, ha puntato sul blocco granitico che gli ha regalato tante gioie in queste ultime stagioni ed ha vinto. Squadra corta, pressing e tocchi di prima a far saltare il banco; per la prima volta in stagione i tifosi bianconeri hanno visto un bel gioco all’Allianz Stadium. Peccato, però, che a disegnare calcio siano stati gli avversari. “Massacrateli” (sportivamente s’intende); questo l’invito dei tifosi azzurri ai giocatori in partenza per Torino. Ebbene, i supporters napoletani sono stati decisamente accontentati. Un dominio assoluto, totale da parte di Insigne e compagni che hanno potuto festeggiare negli spogliatoi un grande risultato. Ora il campionato è riaperto ed il Napoli – sperando magari in qualche aiutino dall’Inter nel prossimo turno – non può e non deve sbagliare; il sogno è ancora vivo, possibile. I tifosi, dopo il successo, sono scesi in piazza e sono pronti ad accogliere all’aeroporto Capodichino i loro eroi; mancano gli ultimi passi per trasformare il tutto in leggenda. L’abbiamo visto oggi, impossible is nothing.

23 Aprile 2018 00:51 - Ultimo aggiornamento: 23 Aprile 2018 00:51
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi