01 Dicembre 2022 - Aggiornato alle 20:24
CRONACA

La denuncia: Via Marano-Quarto, residenti disperati

27 Ottobre 2022 00:24 — Riceviamo e pubblichiamo.

Riceviamo e pubblichiamo la lettera-denuncia pervenuta ed inerente via Marano-Quarto, strada e servizi connessi, pericolosa per i residenti che la devono percorrere obbligatoriamente ogni giorno. Una strada strettissima, a doppio senso di marcia, che appena piove si allaga diventando un fiume in piena, con grave pericolo per i pedoni e per gli automobilisti a causa del dissesto stradale. 

"Vi scrivo perché siamo davvero disperati..viviamo in una via disastrata,siamo poche famiglie e andando a reclamare in comune nessuno ci ascolta...x chi è residente qua è pericoloso con questa strada e quasi impossibile muoversi ma chi abita qui deve per forza fare questa strada. Non vi dico quando danno fuoco alle terre vicine o alla spazzatura, oltre alla puzza si possono prendere pure brutte malattie. Non si può vivere così qui a Marano in via Marano Quarto dal civico 62 al civico 80 siamo messi male.e nonostante c'è il divieto di accesso passa chiunque perché è una scorciatoia tra Marano e Quarto. Per non parlare dei cani abbandonati che possono essere pericolosi. Insomma qui ci facciamo il segno della croce quando usciamo e se piove e ancora più pericoloso...non passa un pullman nulla e i nostri figli se non li portiamo noi come fanno da soli? La spazzatura, hanno pulito pochi giorni fa ma gli ignoranti passano e buttano di tutto, davvero di tutto...Non si può vivere con quest'ansia tutti i giorni, non è vita e non è giusto, noi le tasse le paghiamo, non chiediamo chissà che ma che almeno asfaltassero e che sia utilizzabile solo x i residenti visto che è stretta..poi non so se si notano le mura chissà se sono pericolose o no, Possono franare e se nessuno fa la manutenzione da anni e anni .possono succedere pure guai grossi. Aiutateci, siamo davvero disperati😭.ho fatto denunce ovunque infatti sono in ballo da settimane ma ancora nulla. Dobbiamo aspettare un'altra strage? 

Nel 2022 queste situazioni di degrado non dovrebbero più esistere,anche perché qua e stato d'emergenza...poi ci pensano solo quando si piange il morto.ho chiamato vari tv importanti ma nulla come se non esistessimo.se avessi chiamato da Lecco sarebbero corsi subito.noi qua il sindaco non c'è l'abbiamo e il fatto che i commissari non ci vogliono incontrare e l'ufficio tecnico inventa sempre scuse x fare nulla.ma e normale??

Da cittadina maranese oltre a denunciare,andare all'ufficio tecnico,scrivere ai commissari senza mai vederci,denunciare ovunque la situazione come posso fare x essere aiutata??davvero ho scritto a chiunque,TV, giornali ma sembra che non importa a nessuno neanche la denuncia alla Prefettura è servita. Dobbiamo morire qua così. 

Io credo che non debba più esistere la differenza tra nord e sud, siamo tutti italiani ma le istituzioni su fanno qualcosa perché io sono lombarda e lo so mentre il sud l'ignorano,non e giusto.

Nella foto di ieri mattina a la roccia si sta aprendo 🤬 Dobbiamo morire seppelliti dalle rocce o alluvionati.

Abbiamo chiesto un incontro ai commissari di Marano di Napoli ma non ci hanno mai voluto vedere, con l'ufficio tecnico ci siamo confrontati ma sono problemi secondari, poi mancano i soldi, poi è un sentiero romano, scuse per non fare nulla.

Qua si chiama emergenza e si rischia la vita e impossibile che nessuno possa fare nulla.

Grazie a Dio c'è ancora bel tempo e quando ritornano le piogge che si fa? avete visto come scende l'acqua qua?? e stato d'emergenza.

Basta essere presi in giro, la vita è la nostra anche se siamo solo 40 famiglie non meritiamo di vivere cosi. Siamo persone oneste che pagano tutte le tasse e poi si trovano ignorati".

27 Ottobre 2022 00:24 - Ultimo aggiornamento: 27 Ottobre 2022 00:24
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi