27 Settembre 2021 - Aggiornato alle 09:08
SPORT
"La gestione De Laurentiis non porterà mai il Napoli ad essere squadra di vertice" di Giovanni Spinazzola
25 Maggio 2021 11:42 —

La delusione in casa Napoli è ancora forte e cocente, soprattutto nei tifosi che hanno riversato la loro rabbia sui social per la gara indegna disputata dai calciatori. Ancora una volta è mancata la mentalità vincente alla squadra, atavica, assenza già denunciata da Ancelotti prima e dallo stesso Gattuso poi. Una mentalità che si acquisisce giocando partite di livello oppure acquistando campioni ma De Laurentiis li cede, non li compra, ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Regalare la qualificazione alla Champions League alla Juve è un qualcosa di inconcepibile, fare harakiri lo è ancora di più. È l’ennesima delusione, una nuova pugnalata che la squadra ha dato alla propria gente, alla propria tifoseria, non onorando al meglio la maglia azzurra indossata. Il Napoli, peraltro, era l’unica squadra del Mezzogiorno che potesse spezzare un dominio dei club del Nord. Come fare per rimediare? Semplicemente non si può. Disputare un campionato di livello e conquistare l’Europa League nella prossima stagione – competizione più snella vista l’introduzione della Conference League – è sicuramente il migliore dei rimedi; per farlo, però, servirebbero campioni in grado di portare la suddetta mentalità. Ed il Napoli non ne ha tantomeno ne acquisterà; anzi, quei pochi calciatori di livello, saranno messi anche sul mercato per fare cassa e rientrare dalle perdite causate dal mancato quarto posto. È la gestione De Laurentiis, quella che non porterà mai il Napoli ad essere squadra di vertice, con il ridimensionamento addirittura dietro l’angolo perché al fine non c’è mai peggio.

Sul fronte allenatore, invece, dopo aver silurato in maniera inconcepibile ed assurda Gennaro Gattuso, con un’assenza totale di stile più volte mostrata nel corso degli anni da De Laurentiis, sembra che il favorito sia Sergio Conceiçao. Tramontata quasi definitivamente l’ipotesi Max Allegri, con il tecnico che aveva indicato nella partecipazione alla Champions un passaggio fondamentale, resta in piedi ancora l’ipotesi Luciano Spalletti, tecnico di esperienza e di qualità. Ancora pochi giorni e si saprà la verità; a quel punto si potrà iniziare con le prime conclusioni.

25 Maggio 2021 11:42 - Ultimo aggiornamento: 25 Maggio 2021 11:42
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi