23 Settembre 2019 - Aggiornato alle 06:43
SPORT
Liverpool-Napoli: Gli azzurri si giocano tutto in una notte
11 Dicembre 2018 08:00 —

Ultima giornata della fase a gironi ma è già uno scontro diretto fondamentale per il Napoli, che si gioca tutto in una notte. Non proprio la migliore delle notizie, dopo aver disputato fin qui una Champions League magnifica, in un girone della morte con due tra le candidate alla vittoria finale, addirittura con la finalista dell’ultima edizione. Ma al Napoli le cose semplici non piacciono proprio, la fortuna non abita dalle parti del Vesuvio ed i partenopei dovranno compiere l’ennesima impresa. Testa fredda e cuore caldo, questo servirà ad Anfield, uno degli impianti più caldi d’Europa e del Mondo, un vero fortino inespugnabile per i Reds, lì dove gli uomini di Klopp hanno costruito successi fondamentali, in campionato e Champions League. I partenopei giocheranno i Inghilterra consapevoli di avere a disposizione due risultati su tre, addirittura l’ipotesi di una sconfitta di misura segnando almeno un gol andrebbe ugualmente bene (occhio, però; in caso di pareggio contestuale del PSG a Belgrado con la Stella Rossa, ci sarebbero tre squadre a pari punti ed entrerebbe in gioco la classifica avulsa ed agli azzurri servirebbe una sconfitta di misura per 4-3 o superiore,  5-4, 6-5, etc) ma Insigne e compagni non sono certo squadra in grado di fare calcoli, in grado di disputare una gara difensiva con l’autobus davanti alla porta. Sarebbe un grave errore ed Ancelotti l’ha evidenziato in più di un’occasione; il Napoli dovrà giocarsi le sue carte, attaccare come sa provando a mettere in difficoltà l’avversario e centrando un’altra impresa che sarebbe di prestigio assoluto. Un test probante, super attendibile anche per verificare la mentalità vincente della squadra, sempre mancata al gruppo azzurro ma che Ancelotti sta cercando di impartire giorno dopo giorno, gara dopo gara dall’alto della sua esperienza. Centrare gli ottavi, come ammesso da Re Carlo, sarebbe apporre la ciliegina su una torta fin qui bella e gustosa ma, in caso contrario, in caso dovesse arrivare l’eliminazione, nessun dramma; resterebbe sempre straordinario il girone fin qui giocato dagli azzurri. Hamsik e compagni avranno dalla loro parte uno spicchio di San Paolo nel Merseyside; polverizzati tutti i biglietti per il settore ospite, saranno circa 3000 i tifosi azzurri in Inghilterra, ma una città intera, oltre sei milioni di supporters nel mondo sono pronti a spingere la squadra. In fondo, tutti abbiamo un sogno nel cuore….

Ancelotti dovrebbe puntare sul Napoli di coppa con Mertens accanto ad Insigne nel 4-4-2; a centrocampo Allan ed Hamsik al centro con Callejon e Fabian Ruiz esterni. In difesa, davanti ad Ospina, Albiol e Koulibaly con Maksimovic e Mario Rui terzini.

Klopp deve fare a meno di Joe Gomez, ko; proverà a recuperare Lovren sennò spazio per Matip accanto a Van Dijk al centro con Alexander-Arnold e Robertson terzini nel 4-3-3 davanti ad Alisson. In mediana Milner, Wijnaldum e Naby Keita mentre in attacco solito tridente con Salah, Firmino e Mané.

Probabili formazioni

LIVERPOOL (4-3-3): Alisson; Alexander-Arnold, Matip, Van Dijk, Robertson; Milner, Wijnaldum, Keita; Salah, Firmino, Mané.

NAPOLI (4-4-2): Ospina; Maksimovic, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Allan, Hamsik, Fabian; Mertens, Insigne.

Giovanni Spinazzola

11 Dicembre 2018 08:00 - Ultimo aggiornamento: 11 Dicembre 2018 08:00
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi