22 Settembre 2019 - Aggiornato alle 16:00
SPORT
Londra: Ancelotti insoddisfatto. Insigne "amareggiati e delusi"
12 Aprile 2019 00:13 —

Carlo Ancelotti, tecnico del Napoli, ha parlato ai microfoni di Sky evidentemente insoddisfatto dopo la sconfitta con l’Arsenal ma speranzoso per il ritorno.

"Una delle cose che avevamo preparato era quella di cercare di avere coraggio. Sapevamo che qui l'ambiente spinge molto. Ci siamo fatti trovare impreparati, impauriti, abbiamo sbagliato e ci hanno castigato. È stato difficile rientrare in partita. In parte ci siamo riusciti, abbiamo ripreso a giocare meglio, creando occasioni abbastanza chiare. Un gol avrebbe reso più facile il recupero al ritorno. Giocheremo in casa e i problemi di timore e paura ce li toglierà il pubblico, che speriamo sarà come al solito molto importante".

Cosa le dà speranza per la rimonta?

"L'Arsenal non è impenetrabile. Nella seconda parte abbiamo preso le misure. Il controllo del gioco c'è stato. Dobbiamo recuperare, quindi giocheremo ad alta intensità, con lucidità e senza frenesia. È molto difficile con questo risultato, ma non impossibile".

Errori tecnici.

"È vero, abbiamo sbagliato troppo. Di solito nell'uscita da dietro siamo precisi. Abbiamo pressato molto, poi nella ripresa abbiamo cambiato un po' ed è andata meglio. È stato sorprendente vedere tanti errori".

Da dove si riparte?

"Dal secondo tempo. Dobbiamo toglierci di dosso il timore del primo tempo. Ora è ancor più difficile, ma abbiamo ancora chance da giocarci perché dietro l'Arsenal non è impenetrabile, tant'è che fuori casa ha sempre preso gol. Manteniamo fiducia e ottimismo. L'idea era quella di attaccarli da dietro. Abbiamo cercato l'uscita sui centrocampisti".

Al ritorno Milik in attacco?

"Non è una questione di giocatori, ma di forza offensiva che dovremo mettere nella partita e metteremo sicuramente".

Lorenzo Insigne, il capitano, ha così commentato il ko contro l’Arsenal.

"Siamo amareggiati e delusi, ma non ci arrendiamo. È vero, abbiamo sbagliato tanto e io stesso sono molto amareggiato per l'errore che ho fatto sotto porta. Sono arrivato col passo lungo ed ho fallito il gol. Adesso però non dobbiamo piangerci addosso. Bisogna correggere gli errori commessi stasera e preparare al massimo la partita tra 7 giorni. L'Arsenal è una grande squadra, stasera si è visto. Però non si è visto il vero Napoli. Possiamo dimostrare il nostro valore e dare l'anima giovedì per cercare di ribaltare il risultato. Dobbiamo stare concentrati e uniti per disputare una grande gara al San Paolo. Abbiamo ancora 90 minuti e non molleremo fino alla fine".

Alex Meret, il migliore in campo del Napoli, ha analizzato così la sconfitta con i Gunners.

"Dobbiamo ripartire dall'atteggiamento che abbiamo avuto nel secondo tempo per provare l'impresa al ritorno. Stasera abbiamo pagato un brutto approccio, siamo stati sovrastati dall'Arsenal e ci hanno messo sotto segnando meritatamente. Poi però non abbiamo ceduto ed abbiamo anche creato palle gol che potevano cambiare la gara. Dovevamo certamente essere, però, più coraggiosi e precisi. L'Arsenal in casa è una squadra formidabile, però la qualificazione si deciderà tra sette giorni. Ci vorrà una partita perfetta da parte nostra, ma con il calore e la spinta del San Paolo, tutto è possibile".

Giovanni Spinazzola

12 Aprile 2019 00:13 - Ultimo aggiornamento: 12 Aprile 2019 00:13
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi