21 Aprile 2021 - Aggiornato alle 00:05
POLITICA
M5S, Muscarà: “Villa Comunale ai privati, De Magistris mette in svendita il patrimonio di Napoli”
20 Marzo 2021 17:32 — La consigliera regionale: “Epilogo più triste dopo i casi delle Torri Aragonesi e di Portosalvo e i fallimenti dei grandi progetti finanziati con fondi Ue”.

“La svendita del patrimonio di Napoli è il punto più basso in cui ci l’amministrazione De Magistris ha precipitato il nostro capoluogo. Dopo aver messo in saldi i tram storici, che altrove avrebbero un valore inestimabile, aver eliminato alberi e verde in ogni angolo della città, e dopo i misteri irrisolti delle Torri Aragonesi e della Chiesa di Portosalvo, le cui opere di restauro sono avvolte nel mistero più fitto a oltre dieci anni dai rispettivi affidamenti, il paradosso lo si è raggiunto con l’affidamento della Villa Comunale a un’associazione privata. Senza dimenticare l’assoluta incapacità a far partite grandi opere che sarebbero state finanziate con fondi europei, come il grande progetto Porto di Napoli e il Progetto Centro Storico, miseramente falliti e le cui risorse sono tornate al mittente. Non poteva esserci epilogo peggiore dopo dieci anni di scempi e disastri a firma dell’attuale primo cittadino”. Lo denuncia la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Maria Muscarà. “L’operazione di cessione a privati della nostra storica Villa è la chiara ammissione di un fallimento. Chi non è stato in grado di salvaguardare dal degrado e dalla fatiscenza il più importante polmone verde della città, per tradizione, storia e architettura, lo affida a terzi, sottraendo alla città un bene comune”.

 

20 Marzo 2021 17:32 - Ultimo aggiornamento: 20 Marzo 2021 17:32
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi