15 Luglio 2020 - Aggiornato alle 13:55
SALUTE
Napi: Loreto Mare, ripartono i servizi ai cittadini con una configurazione fuori dalla rete COVID-19. A emergenza finita si è proposta la configurazione a DEA di I livello. Ciro Verdoliva: «Ci saranno, a breve, anche lavori di riqualificazione funzionale
17 Giugno 2020 17:00 —

Loreto Mare, ripartono i servizi ai cittadini con una configurazione fuori dalla rete COVID-19; a emergenza finita si è proposta la configurazione a DEA di I livello. Ciro Verdoliva: «Ci saranno, a breve, anche lavori di riqualificazione funzionale dell’area di Pronto Soccorso per migliorare la “normale” attività e ridurre il rischio di aggressioni» In considerazione di un’emergenza Covid che non è ancora finita, come previsto dalle linee di indirizzo del Piano per il potenziamento della rete ospedaliera nell’ambito di quanto disposto dal Decreto Rilancio del Governo (n.34/2020) e della conseguenziale programmazione regionale, si conferma che il Loreto Mare deve poter assumere - in uno scenario di alto profilo emergenziale ed in tempi rapidi - il ruolo di Covid Center con 40 posti letto di degenza, 20 posti letto di terapia sub.-intensiva e 10 posti letto di terapia intensiva. «Lo scenario epidemiologico ci spinge a prevedere - spiega il direttore generale dell’ASL Napoli 1 Centro Ciro Verdoliva - una struttura in “pronta attivazione” che deve, nel giro di pochi giorni, ritornare ad assumere un ruolo di protagonista per far fronte ad una eventuale recrudescenza del Covid-19». In quest’ottica, e alla luce dell’attuale scenario che vede un ridottissimo numero di pazienti abbisognevoli di ospedalizzazione, a partire da lunedì 22 giugno il Loreto Mare non avrà più il ruolo attivo nella rete dei Covid Center e verrà sottoposto ad un profondo e completo intervento di sanificazione per essere configurato dal primo di luglio con dei servizi estremamente importanti a disposizione della cittadinanza. Avrà 10 posti letto di medicina generale, 28 posti letto di lungodegenza, 10 posti letto di oncologia (day hospital), 2 posti letto di day surgery. E ancora, ambulatori di chirurgia, di dermatologia, di medicina generale, di oncologia, radiologia con TAC (anche con servizio di accessi esterni) e laboratorio analisi (anche con servizio di accessi esterno). Tutto questo con l’obiettivo di avviare da subito i presupposti per una futura configurazione, ad emergenza conclusa, come DEA I Livello. «A dimostrazione che la programmazione è già concreta, l’area del pronto soccorso - conclude Verdoliva – sarà a breve, nelle more dell’archiviazione finale dell’emergenza COVID-19, oggetto di lavori di ristrutturazione finalizzati a nuove distribuzioni funzionali per migliorare la “normale” attività e ci saranno anche adeguamenti ulteriori per posti e percorsi Covid, con particolare attenzione anche alla sicurezza degli operatori sanitari per ridurre al minimo il rischio di aggressioni. Sento ancora una volta il desiderio di ringraziare tutti i medici, gli infermieri, gli operatori socio sanitari e tutto il personale dell’ASL Napoli 1 Centro, donne e uomini senza i quali ogni sforzo di questa direzione sarebbe stato vano. Professionisti straordinari che stanno contribuendo in maniera determinate ad un cambiamento epocale nella storia di questa Azienda sanitaria».

17 Giugno 2020 17:00 - Ultimo aggiornamento: 17 Giugno 2020 17:00
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi