22 Ottobre 2020 - Aggiornato alle 09:02
SPORT
Napoli-Atalanta: Gattuso, "Non me l'aspettavo"
17 Ottobre 2020 18:38 —

Gennaro Gattuso, tecnico del Napoli, ha commentato ai microfoni di Sky il successo netto e bello contro l’Atalanta.

“Non me l’aspettavo, perché conosco l’Atalanta. La gara è stata preparata bene, più volte abbiamo cercato il 4 contro 4 in avanti. Osimhen ci ha aiutato, grande mano. Grande mentalità, tanta determinazione e voglia di conquistare la palla, ho visto tutte queste cose. L’Atalanta ha giocato da grande squadra e può vincere il campionato. Un’altra formazione ne avrebbe presi 6 o 7, invece loro sono rimasti lì ad aspettare evitando l’imbarcata”.

Capitolo prospettive. “Combattiamo contro un virus chiamato Covid ed è quindi presto per dirlo. La prima non si sbaglia mai, Bakayoko non giocava da 7 mesi. Dobbiamo migliorare, stiamo giocando con un modulo nuovo ma la squadra è forte”.

Gattuso, poi, parla di Osimhen. “Se sono più soddisfatto per l’inizio di stagione di Lozano o per il gol di Osimhen? Per il nigeriano perché sta svolgendo una grande mole di lavoro. Lozano ha già segnato in campionato, Osimhen ci sta dando tanto. A Parma ci ha dato la possibilità di cambiare come tenevamo il campo e ci ha fatto vincere la partita. Contenti per il suo gol, è giusto che segni dopo tutto il lavoro che svolge”.

Gattuso, poi, scende nel tattico. “Bloccati gli esterni dell’Atalanta? Andiamo a coprire il primo palo sempre. Oggi l’abbiamo lasciato libero; ci è andato bene e scivolavamo con i terzini molto bene. Aggressivi nella prima frazione di gara, abbiamo raddoppiato e siamo usciti bene con il terzino”.

Il tecnico affronta anche il tema Juve-Napoli. “Sono arrabbiato (in verità utilizza un altro termine, ndr), il più di tutti, ho rosicato. I bianconeri sono la squadra da battere ma sono anche in costruzione, un cantiere aperto. Potevamo giocarcela. La partita era stata preparata come quella di oggi, con Demme al posto di Bakayoko. Alle 18.55 stavamo salendo sull’autobus, alcuni già erano su e ci hanno impedito di partire. Non è assolutamente vero che non volevamo giocare; al massimo avremmo perso 3-0 ma sul campo. Ho parlato con la società, con il Presidente, con Giuntoli e Chiavelli ed avevamo deciso che si sarebbe giocata”.  

Il tecnico poi parla della “dorsale” Koulibaly-Bakayoko-Osimhen. “Koulibaly è un grandissimo difensore, lo dimostra da anni; l’anno scorso solo a causa degli infortuni non ha disputato una grande stagione. Per le sue qualità sbaglia troppo tecnicamente ma è un campione. Su Bakayoko conoscete il mio pensiero. Litigo con i miei giocatori, poi ci chiariamo subito. Non è un gran palleggiatore, ma se si impegna ci riesce; ha però una tecnica tutta sua, gestisce bene il pallone e riesce ad uscire dal pressing. È un calciatore che mancava. Osimhen? Devo ringraziare Giuntoli ed il presidente per averlo a disposizione. Da tempo sono innamorato di questo calciatore. Fa reparto da solo, ti fa salire e crea superiorità numerica”.

Giovanni Spinazzola

 

17 Ottobre 2020 18:38 - Ultimo aggiornamento: 17 Ottobre 2020 18:38
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi