22 Ottobre 2020 - Aggiornato alle 09:05
SPORT
Napoli-Atalanta: "Il primo vero banco di prova al San Paolo" di Giovanni Spinazzola
16 Ottobre 2020 22:39 —

Dopo due settimane di burocrazia, giudici sportivi che si addossano poteri che vanno oltre le loro competente ed opinionisti che si travestono da immunologi pur di avere qualche minuto di celebrità e sparare contro il Napoli – lui sì, difeso da veri scienziati, Asl, esperti di diritto e politici – è nuovamente il campo a parlare. Il rettangolo di gioco emetterà l’unico verdetto che conta. E per il Napoli, dopo i sei punti conquistati sul campo con otto reti all’attivo e nessuna incassata, è arrivato il primo, vero banco di prova. Al San Paolo, nella prima gara della quarta giornata, sbarca l’Atalanta, la squadra più in forma del campionato, quella che mostra un calcio davvero apprezzabile e bello da vedere. Ormai è una formazione al top, una big e come tale va trattata. Un anno fa gli orobici rubarono letteralmente un punto (ricordate? Rigore non dato per fallo su Llorente e gol dell’Atalanta sul capovolgimento di fronte in pieno recupero) ed è ora di prendersi la rivincita con tanto di interessi. Battere i nerazzurri darebbe una bella spinta alla formazione di Gattuso; aumenterebbe l’autostima e regalerebbe ulteriori conferme e certezze sul lavoro intrapreso da Ringhio a Castel Volturno. Il 4-2-3-1 è il nuovo modulo, l’evoluzione naturale del 4-3-3 che tante gioie ha regalato alla squadra e l’Atalanta è un test certamente probante, di livello, molto più di Parma e Genoa. Vincere significherebbe dare un bel segnale all’intero campionato. Il Napoli dovrà mettere in campo tutta la rabbia accumulata per l’ingiusta sentenza del giudice sportivo e mostrare la vera “cazzimma”, quella fame che Gattuso vuole vedere sempre dai suoi ragazzi. Gattuso deve fare a meno di Insigne ancora indisponibile ma anche di Elmas e Zielinski ancora positivi al Covid. Ringhio punterà dal 1’ su Tiémoué Bakayoko, al debutto assoluto con la maglia azzurra accanto a Fabian Ruiz in mediana nel 4-2-3-1. Politano, Mertens e Lozano – che traslocherà a sinistra dopo le prime due gare a destra – alle spalle di Osimhen. In difesa Ospina preferito a Meret ed Hysaj a Mario Rui; Manolas e Koulibaly al centro con Di Lorenzo a destra. Gasperini deve fare a meno di Gollini e Caldara; nel 3-4-2-1 Zapata unica punta supportata da Malinovskyi e Gomez ma Ilicic è convocato e si gioca una chance da titolare. Hateboer e Gosens a tutta fascia, con De Roon e Freuler al centro. In difesa, davanti a Sportiello, agiranno Toloi, Palomino e Djimsiti. Probabili formazioni NAPOLI (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Hysaj; Fabian Ruiz, Bakayoko; Politano, Mertens, Lozano; Osimhen ATALANTA (3-4-2-1): Sportiello; Toloi, Palomino, Djimsiti; Hateboer, De Roon, Freuler, Gosens; Malinovskyi, Gomez; D. Zapata.

16 Ottobre 2020 22:39 - Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre 2020 22:39
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi