15 Aprile 2021 - Aggiornato alle 11:05
SPORT
Napoli-Bologna: 3-1. "Missione compiuta" di Giovanni Spinazzola
07 Marzo 2021 23:45 —

Missione compiuta. Serviva dimenticare Reggio Emilia ed il Sassuolo – campo maledetto, visto anche come andò in Supercoppa – e ripartire ed il Napoli l’ha fatto alla grande. Ha conquistato un successo pieno e meritato, soffrendo il giusto contro una squadra, il Bologna, pure dotata di ottime individualità e capace di superare una settimana fa la Lazio. I detrattori, ovviamente, cercheranno il pelo nell’uovo, parleranno di squadra difensivista e sofferente. Gli azzurri, invece, hanno chiuso ogni varco, compatti e messo in cassaforte la gara quando dovevano. Certo, Palacio ed il Bologna hanno regalato attimi di sofferenza, considerato il palo ed i due gol annullati ai felsinei ma la retroguardia ha retto l’urto. In crescita Rrahmani, più sicuro accanto a Koulibaly, l’unica nota stonata della gara è stato l’ennesimo infortunio occorso a Ghoulam, calciatore davvero sfortunatissimo. Stava riacquistando un po’ di continuità e di gamba ma la sua gara è durata 20’. Come si legge sul sito ufficiale, l’algerino “ha riportato un trauma distorsivo al ginocchio sinistro e svolgerà domani gli esami del caso a Villa Stuart”. Davvero una brutta notizia per Gattuso che stava recuperando il ragazzo, uomo spogliatoio ed autore del discorso alla squadra decisamente d’effetto nei giorni scorsi, quelli turbolenti post Sassuolo, al pari del capitano Insigne. E proprio il 24 ha voluto far parlare il campo e dimostrare con i fatti il senso delle sue parole ai compagni. Una prestazione superlativa, un one man show Lorenzo Il Magnifico, autore di una gara perfetta. Per onestà intellettuale è bene affermare come già da tempo si sia caricato la squadra sulle spalle ma contro il Bologna ha rasentato la perfezione. Doppietta a coronamento di una prova da incorniciare che gli ha permesso di superare Cavani nella classifica marcatori azzurri in Serie A oltre ad un assist non sfruttato da Osimhen ed una conclusione che ha impegnato severamente Skorupski. Ed in attesa che si veda il vero Mertens, è tornato al gol anche il bomber, l’acquisto più costoso dell’estate azzurra. Il nigeriano, in occasione del momentaneo 2-0, ha messo in mostra tutto il suo repertorio; lanciato in profondità, controllo in corsa e tiro ad incrociare a scacciare via i giorni bui dell’infortunio, l’incubo che sembra ora lontano. Certo, l’attaccante ha sbagliato anche un gol facilissimo a porta vuota, della serie che l’avrebbe segnato anche chi vi scrive, non proprio dal piede sopraffino. Per il momento, però, può bastare anche così. Gattuso ha indovinato tutto, ed ora ha davanti una settimana intera di allenamenti per potersi preparare al meglio ad un trittico davvero da brividi. Milan, Juve e Roma, un tris che potrà lanciare definitivamente il Napoli verso il quarto posto o farlo sprofondare nell’abisso già a marzo, lontano da tutto. Non sono ammessi passi falsi. 

07 Marzo 2021 23:45 - Ultimo aggiornamento: 07 Marzo 2021 23:45
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi