08 Dicembre 2022 - Aggiornato alle 18:23
SPORT

Napoli-Bologna: 3-2. "Vittoria al cardiopalma" di Giovanni Spinazzola

16 Ottobre 2022 22:03 —

Decimo successo consecutivo tra campionato e Champions, Bologna battuto e primato in classifica riconquistato dopo il successo dell’Atalanta conquistato contro il Sassuolo. Una partita sofferta che gli azzurri hanno vinto grazie alla compattezza di squadra e alla grande determinazione di continuare il positivo cammino. Il Bologna sul campo ha dimostrato di essere una squadra coriacea nonostante l’assenza pesante di Arnautovic. Thiago Motta l’ha schierata in modo tale da creare difficoltà alla circolazione del pallone degli azzurri in profondità cercando a sua volta di sfruttare al meglio il contropiede e in un certo qual modo c’è anche riuscito anche se deve soprattutto ringraziare la dea bendata. In un paio di occasioni la traversa si è opposta ai tiri di Mario Rui nel primo tempo, lanciato in area da Kvaratskhelia, e di Zielinski al 79’ che avrebbe potuto chiudere la partita. Nella seconda frazione di gioco poi quando il gioco del Napoli si è fatto arrembante sotto la spinta di Osimhen un po' l’imprecisione e un po' gli interventi di Skorupski hanno evitato la capitolazione. Osimhen! Già proprio lui insieme a Kvaratskhelia hanno fatto letteralmente dannare la difesa rossobleù spaccando la partita. Di contro c’è da dire che i nei nel Napoli questo pomeriggio sono venuti da qualche distrazione di troppo in difesa. Sull’azione che ha portato in vantaggio il Bologna ad esempio Dominguez e Zirkzee hanno potuto dialogare senza una efficace resistenza, in particolare l’olandese è filtrato presentandosi davanti a Meret indisturbato. Diciamo subito che Kim e Juan Jesus, che tra l’altro ha realizzato il goal del pareggio in chiusura del primo tempo, hanno giocato una buona gara, in particolare il sud coreano si è contraddistinto nelle sue abituali chiusure, ma si ha l’impressione che la sua efficacia si sia un po' appannata dopo l’infortunio di Rrahmani. L’altra prova incolore l’ha fornita Meret. Il 2-2 bolognese nato da un tiro da fuori area di Barrow è stato facilitato da una presa difettosa del portiere azzurro che si è lasciato sfuggire il pallone come una saponetta, mentre al 90’ un’uscita a vuoto su calcio d’angolo del Bologna ha fatto prendere uno spavento a tutti con il pallone che ha attraversato tutta la porta. Una prestazione opaca può capitare l’importante è che si riprenda subito. A centrocampo mancava Anguissa e Spalletti lo ha sostituito con Ndombele e anche qui occorre fare un’annotazione. Il francese ha giocato una buona gara facendo valere le sue doti tecniche cercando anche il tiro da fuori sua specialità ma non è stato fortunato. Tuttavia la manovra nonostante il gran prodigarsi di Lobotka e Zielinski è apparsa meno incisiva. Il camerunese quando parte palla al piede crea superiorità numerica in attacco cosa che con Ndombele non è avvenuta. Il francese ha le capacità di poterlo fare solo che deve essere più veloce nell’imbastire l’azione. Anche stavolta il Napoli ha avuto ragione dell’avversario grazie alla panchina. Osimhen e Lozano, splendida la sua rete che ha portato sul 2-1 gli azzurri, sono stati determinanti non solo nel tabellino ma soprattutto nel gioco e questo dimostra come la compattezza di squadra e la qualità di tutti i giocatori (non parliamo di riserve altrimenti il tecnico azzurro s’infuria a ragion veduta n.d.r.) può fare la differenza. Il messicano sembra essere tornato sui suoi alti livelli tecnici. Contro l’Ajax ha firmato il vantaggio, contro il Bologna ha portato in vantaggio il Napoli e poteva anche chiudere i conti all’88’ senza dover trattenere il fiato fino al fischio finale quando si è trovato solo davanti al portiere che ha fatto un mezzo miracolo. Kvaratskhelia? Davvero non riusciamo più a trovare gli aggettivi per definire questo giocatore. Dopo l’Ajax è toccato ai difensori del Bologna diventare un incubo per le loro notti. Insomma un successo strameritato ottimo viatico in vista della partita con la Roma da giocare preparandola con cura senza dover affrontare partite infrasettimanali.

16 Ottobre 2022 22:03 - Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre 2022 22:03
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi