22 Ottobre 2019 - Aggiornato alle 00:59
SPORT
Napoli-Cagliari: Vietati cali di tensione o di guardia
24 Settembre 2019 19:13 —

Smaltito il poker rifilato al Lecce, non è tempo di adagiarsi sugli allori per il Napoli, impegnato nel turno infrasettimanale. Al San Paolo – prevendita fiacca, purtroppo – arriva il Cagliari sempre motivato a mille per via di una sorta di rivalità tutta da parte sarda nei confronti degli azzurri (in uno spareggio per evitare la retrocessione tra Cagliari e Piacenza disputato al San Paolo, i tifosi partenopei parteggiarono per gli emiliani; da qui l’acredine dei rossoblù, ndr). Sarà, quindi, tutt’altro che una gara semplice, anche perché il Cagliari di Maran ha dato filo da torcere all’Inter qualche giornata fa ed è una formazione di buon livello, con investimenti anche importanti in estate per migliorare sensibilmente l’organico. Occhi aperti, quindi, perché non sarà una passeggiata; manco a dirlo, vietato un calo di tensione o di guardia che potrebbe risultare fatale. L’obiettivo scudetto dev’essere una priorità ma va centrato pensando una gara per volta, vincendo impegno su impegno e dimostrando finalmente una mentalità vincente, da squadra matura. In quest’ultimo aspetto, fondamentale il secondo anno di lavoro di Carlo Ancelotti, con Mertens e compagni più convinti dei propri mezzi. Servirà una prova di forza e, soprattutto, sarà necessario sfruttare il doppio impegno casalingo in quattro giorni (prima il Cagliari, poi il Brescia di Balotelli impegnato stasera contro la Juve) per conquistare bottino pieno ed affacciarsi alla gara di Champions League contro il Genk con il morale a mille. Sicuri nuovi cambi per Re Carlo, il quale ritiene indispensabile il turn over. La lista dei convocati solo domani al termine della rifinitura; intanto, nella giornata odierna la squadra ha svolto la sessione sul campo 3. In avvio serie di torelli ed esercizi di mobilità, poi serie di partitine a campo ridotto. Manolas è rientrato in gruppo, mentre Tonelli prosegue a lavorare con un programma personalizzato sul campo. Ancelotti dovrebbe confermare Maksimovic al centro della difesa accanto a Koulibaly, con il ritorno di Meret tra i pali e dei terzini Di Lorenzo e Mario Rui. Nel 4-4-2 dal 1’ anche Callejon ed Allan, con Zielinski accanto al brasiliano e turno di riposo per Fabian Ruiz, mentre sulla sinistra il capitano Insigne. In attacco possibile l’attacco leggero formato da Lozano e Mertens. Maran, che deve fare a meno dei lungodegenti Cragno e Pavoletti oltre che di Nainggolan, Faragò e Cigarini – uno degli ex – punterà su Joao Pedro e Simeone in attacco supportati da Castro; Nandez, Oliva e l’ex Rog a centrocampo con difesa formata da Cacciatore, Pisacane, Ceppitelli e Luca Pellegrini davanti ad Olsen. Probabili formazioni NAPOLI (4-4-2): Meret; Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Allan, Zielinski, Insigne; Mertens, Lozano. All. Ancelotti CAGLIARI (4-3-1-2): Olsen; Cacciatore, Pisacane, Ceppitelli, Lu. Pellegrini; Nandez, Oliva, Rog; Castro; Joao Pedro, Simeone. All. Maran

Giovanni Spinazzola 

24 Settembre 2019 19:13 - Ultimo aggiornamento: 24 Settembre 2019 19:13
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi