11 Luglio 2020 - Aggiornato alle 00:24
CRONACA
Napoli-Lazio: 1-0. Gattuso, "ho visto un grande spirito"
21 Gennaio 2020 23:37 —

È un Gennaro Gattuso rinfrancato dopo il successo del Napoli sulla Lazio e relativo passaggio del turno in Coppa Italia, con la semifinale conquistata. Ecco le sue parole raccolte da “I Fatti di Napoli”. “La squadra ha disputato una grandissima partita; venivamo da un periodo imbarazzante ed abbiamo giocato contro una squadra molto forte. Siamo stati fortunati ma anche sfortunati. Ho visto un grande spirito, siamo stati bravi perché contro una squadra come la Lazio ci volevano intensità ed attenzione. In questo momento dobbiamo pensare a partita dopo partita; sono arrivati dei nuovi calciatori ma dobbiamo recuperare anche gli infortunati per poi conquistare quanti più punti possibili in campionato perché la classifica è deficitaria. Quando hanno inquadrato la tribuna, sembrava ci fossero i galacticos (presenti, sugli spalti, Koulibaly – con moglie – Malcuit, Allan e Mertens). Elmas ha disputato una buonissima partita, lui è un centrocampista centrale e si è sacrificato sulla fascia. Non ci siamo messi a cinque in difesa nel finale, sono stati bravi gli avversari negli ultimi 20-25 metri, ma la squadra si è saputa difendere, mostrando anche qualità. Bene anche Lobotka finché è rimasto in campo; bisogna inserire bene i nuovi e recuperare gli infortunati, perché è una squadra di grande valore. La vittoria di stasera nuovo inizio? Dobbiamo avere fame e non la pancia piena; non è il primo successo importante conquistato da questa squadra ma poi i ragazzi si sono sempre seduti dopo. Devo essere bravo a tenere alta l’attenzione; i ragazzi devono avere il coltello tra i denti. Stasera ho visto il veleno, i compagni si sono aiutati, hanno messo una pezza tra di loro, questo è quello che voglio; la serenità, invece, devo darla io nello spogliatoio. Sapevo fin dal primo giorno di essere arrivato in una piazza dal momento difficile. Tre giorni fa sono rimasto stupito dalla prestazione; contro Inter e Lazio, pur perdendo, avevamo mostrato un gioco apprezzabile, mentre contro i viola siamo stati imbarazzanti. Il ritiro? Bisognava solo guardarsi in faccia e dirsi determinate cose; rappresentiamo una società importante e non possiamo permetterci di fare le figuracce fatte ad oggi. Si deve lavorare con serenità. Napoli di coppa? Dobbiamo pensare al campionato, perché è quella la priorità. Domenica giochiamo contro una squadra fortissima come la Juve; si parla tanto di qualificazione alle coppe ma dobbiamo guardarci indietro perché non siamo messi bene e non siamo abituati a giocare per certi obiettivi. Dedico la vittoria a chi mi ha dato la possibilità di allenare questa squadra ed alle persone che lavorano in questo club”. Soddisfatto anche Di Lorenzo; ecco le sue parole ai microfoni di Rai Sport. “Terzino o centrale? Il mio ruolo naturale è terzino ma se c’è necessità, gioco al centro. La Lazio ha attaccanti molto forti e sapevamo di dover essere concentrati per tutta la gara per contenerli. Siamo contenti del passaggio del turno; venivamo da una brutta prova contro la Fiorentina, ci siamo uniti e siamo riusciti a disputare una grande partita, compatti anche con un uomo in meno. San Paolo pieno? Fa tutto un altro effetto; siamo contenti siano ritornati ed adesso speriamo sia pieno anche domenica perché così è bellissimo. Se i supplementari erano più giusti? Abbiamo meritato il passaggio del turno; anche la Lazio ha avuto grandi occasioni ma siamo contenti così. I nuovi si sono presentati bene; non c’era nulla da chiarire. Contro Inter e Lazio, pur con errori individuali, avevamo disputato buone gare; importantissimo, però, il passaggio del turno di stasera.

Giovanni Spinazzola

21 Gennaio 2020 23:37 - Ultimo aggiornamento: 21 Gennaio 2020 23:37
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi