22 Gennaio 2022 - Aggiornato alle 15:56
SPORT
Napoli-Lazio: 4-0. Le pagelle di Giovanni Spinazzola
28 Novembre 2021 23:19 —

Ospina 6,5: un solo intervento, a mano aperta su Luis Alberto ed è una prodezza. Poi solo lavoro di piedi.

Di Lorenzo 6,5: l’ennesima gara positiva per il terzino ma ormai non fa più nemmeno notizia. Corre su e giù per la fascia, si procura falli e chiude con l’assist a Fabian Ruiz per il 4-0 finale.

Rrahmani 6,5: dopo qualche svarione contro l’Inter, il centrale ex Verona torna la roccia di inizio stagione. Ottima prova.

Koulibaly 7,5: una prova sontuosa. L’attacco della Lazio è annichilito dai suoi interventi, dal suo possesso palla e dalle fine in uscita rilanciando l’azione. Clonatelo.

Mario Rui 6,5: un’altra prova egregia per il terzino tanto bistrattato quanto prezioso. Il lusitano impegna severamente anche Reina con la gioia del gol ancora una volta rimandata. (Dall’86’ Ghoulam s.v.).

Fabian Ruiz 7: a centrocampo giganteggia. Dai suoi piedi partono le azioni più pericolose, con il pallone fa quel che vuole e regala anche un grande contributo difensivo. E poi la perla del gol che chiude la gara. (Dall’86’ Malcuit s.v.).

Lobotka 7: dopo la prova di mosca incolore, una prestazione superba del centrocampista slovacco. La mediana è il terreno suo; cuce il gioco, corre e riparte difendendo. Sembra essere tornato il calciatore ammirato a Vigo e ad inizio stagione prima dell’infortunio.

Lozano 6,5: qualche strappo, qualche buna accelerazione e l’assist per il gol del 3-0. El Chucky è sicuramente più vivo rispetto alle ultime prestazioni ma lui può e deve compiere un altro passo in avanti. (Dal 64’ Elmas 6: entra per dare copertura e vivacità).

Zielinski 7: quando gioca così, non ce n’è per nessuno. Peccato che non lo faccia spesso. Apre le danze con un gol dopo aver seguito l’azione azzurra, crea grattacapi continui alla difesa agendo tra li linee. E, così, diventa devastante. (Dal 73’ Demme 6: il tempo di tornare in campo dopo il Covid e mettersi a guardia della difesa).

Insigne 6,5: non segna, eppure ci prova, anche continuamente. Il capitano disputa una gara solida, una prova di grande sostanza rendendosi utilissimo anche in difesa.

Mertens 8,5: Ciro è tornato. One man show. Dopo l’infortunio di Osimhen tutti a chiedersi se Mertens potesse sostituirlo. Ebbene, davanti alla statua di Maradona, una doppietta con secondo gol di pregevole fattura ed uno spettacolo da stropicciarsi gli occhi. L’attacco azzurro è in buone mani. Anzi, piedi. (Dal 64’ Petagna 6,5: entra a dare peso all’attacco azzurro. Difende palla e si guadagna anche gli applausi del Maradona per un dribbling intorno a quattro avversari).  

28 Novembre 2021 23:19 - Ultimo aggiornamento: 28 Novembre 2021 23:19
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi