22 Ottobre 2019 - Aggiornato alle 17:56
SPORT
Napoli-Liverpool: Prima da brividi per gli azzurri. Ancelotti punta sui tifosi
16 Settembre 2019 21:20 —

È vigilia di Champions League in casa Napoli; il San Paolo riapre per le gare europee, e la cornice di pubblico sarà di quelle importanti, con l’impianto di Fuorigrotta pronto ad offrire un quadro davvero spettacolare ed a trascinare gli azzurri verso la vittoria, proprio come chiesto da Carlo Ancelotti in conferenza stampa. Il tecnico, infatti, vorrebbe lo stadio un qualcosa di molto simile ad una bolgia, un po’ come accade al Liverpool con Anfield. E l’accostamento non è certo casuale, perché è una prima da brividi per gli azzurri; per la seconda volta consecutiva, infatti, il Napoli si ritrova i Reds nel girone e l’esordio è proprio contro gli uomini di Klopp in una sorta di “classico” del calcio europeo. Le due formazioni, fatti, si sono sfidate anche in estate in amichevole, con i partenopei addirittura capace di vincere per 3-0. Ma era calcio estivo, senza alcun valore. Ancelotti, piuttosto, spera di ripetere prova e risultato dell’anno scorso, quando Insigne punì severamente gli inglesi al termine di una gara dominata. E proprio Lorenzo il Magnifico – ancora in dubbio dopo il problema muscolare accusato alla seconda di campionato – è la bestia nera di Klopp, punito anche quando il tecnico allenava il Borussia Dortmund. Partire con il piede gusto, nella gara d’esordio, è sicuramente fondamentale perché l’obiettivo del Napoli è superare il girone di Champions League, decisamente alla portata considerato anche le altre avversarie; oltre ai Campioni d’Europa, infatti, vi sono il Salisburgo ed il Genk, buone formazioni ma non in grado di poter impensierire gli azzurri. Una prova di forza ed i tre punti, tuttavia, regalerebbero autostima e motivazioni extra alla squadra, anche in ottica campionato, in vista di un tour de force mica da ridere e per il prosieguo in Coppa. C’è, poi, da riscattare la clamorosa eliminazione proprio nell’ultima gara del girone nella scorsa stagione, quando l’1-0 ad Anfield eliminò il Napoli (nel finale miracolo di Alisson – assente perché infortunato – su Milik) in una sorta di spareggio che poi aprì le porte della coppa per i Reds. Voglia di rivincita, quindi, in casa partenopea anche per Llorente che ha un conto aperto con la formazione del Merseyside; il Re Leone, infatti, ha perso proprio l’ultima Champions League contro i Reds nella finale persa dal Tottenham. Le premesse per togliersi qualche sassolino dalle scarpe, quindi, vi sono tutte; servirà il Napoli bello di notte in un San Paolo pronto a diventare incandescente. La gara sarà diretta dall’arbitro tedesco Brych. Assistenti: Borsch-Lupp. IV Uomo: Petersen. VAR: Dankert-Fritz.

Al termine dell’allenamento pomeridiano (sessione con una serie di torelli, poi lavoro tecnico tattico e chiusura con esercitazioni su calci da fermo), Ancelotti ha diramato la lista dei convocati. Torna Milik, che inizia a respirare l’aria del clima partita, mentre non c’è Hysaj ed ovviamente Tonelli, non inserito nella lista Champions.

I convocati (in ordine alfabetico): Allan, Callejon, Di Lorenzo, Elmas, Fabian Ruiz, Ghoulam, Insigne, Koulibaly, Karnezis, Llorente, Lozano, Luperto, Maksimovic, Malcuit, Manolas, Mario Rui, Meret, Mertens, Milik, Ospina, Younes, Zielinski.

Ancelotti dovrebbe puntare con il 4-4-2; Llorente dal 1’, chi accanto a lui? È ballottaggio a tre tra Insigne, Mertens e Lozano. In mediana Allan torna dal 1’ accanto a Fabian Ruiz con Callejon e Zielinski sulle fasce mentre in difesa titolare Manolas dopo aver riposato in campionato. Koulibaly al centro, Di Lorenzo e Ghoulam terzini con Meret tra i pali.

Klopp deve rinunciare ad Alisson, al suo posto Adrian, l’eroe di Supercoppa Europea. Nel 4-2-3-1 Oxlade-Chamberlain, Salah e Mané alle spalle di Firmino, con Fabinho e Wijnaldum in mediana. Alexander-Arnold, Matip, Van Dijk e Robertson in difesa.

Probabili formazioni

Napoli (4-4-2): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Ghoulam; Callejon, Allan, Fabian Ruiz, Zielinski; Mertens, Llorente.

Liverpool (4-2-3-1): Adrian; Alexander-Arnold, Matip, Van Dijk, Robertson; Fabinho, Wijnaldum; Oxlade-Chamberlain, Mane, Salah; Firmino.

Giovanni Spinazzola

16 Settembre 2019 21:20 - Ultimo aggiornamento: 16 Settembre 2019 21:20
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi