13 Novembre 2019 - Aggiornato alle 01:23
SPORT
Napoli-Salisburgo:1-1. "Gli azzurri non sanno più vincere" di Giovanni Spinazzola
06 Novembre 2019 00:24 —

Il Napoli non sa più vincere. La medicina Champions League, stavolta, non sortisce l’effetto sperato e la guarigione stenta ad arrivare. I partenopei non vanno oltre l’1-1 in casa contro il Salisburgo e devono rimandare, così, la qualificazione agli ottavi di Champions League, uno dei grandi obiettivi stagionali. Si è visto tutto un altro Napoli rispetto a quello sceso in campo contro la Roma, segnale evidente di come la coppa sortisca effetti differenti nei calciatori di Carlo Ancelotti, ma ancora non ci siamo. La prestazione c’è stata, eccome; il Napoli a tratti ha giganteggiato, ha messo in mostra un bel calcio, buone triangolazioni e l’attacco piccolo ha funzionato, ma solo in parte. Lozano è apparso in crescendo, sulla scia di quanto visto sabato; il messicano ha segnato un gran gol, il suo primo al San Paolo ed in Champions con la maglia azzurra, ha impegnato Coronel in un’altra occasione ma ha peccato di continuità, finendo in ombra per lunghi tratti del match, soprattutto nel finale di gara, prima della sostituzione. Insigne ha servito un bell’assist all’ex PSV ed è stato sfortunato, ma si è anche intestardito oltremodo e senza ragione, peraltro, nel cercare la conclusione ad ogni costo. Lui è stato il fautore principale del “tiro al piccione”, vera e propria specialità della casa, in cui il capitano ha prevalso su distacco nei confronti anche di Zielinski e Fabian Ruiz. Una marea di palloni finiti in curva, un’infinità direttamente a Piazzale Tecchio che la metà basterebbero per rifornire un negozio di articoli sportivi. Scarsa precisione, mira manco a parlarne, per una produzione offensiva infinita ma con realizzazione scarsa. Ben 30 le conclusioni verso la porta da parte degli azzurri, una sorta di tiro al bersaglio, ma di queste solo quattro nello specchio, roba che nemmeno nelle peggiori squadre parrocchiali. Non si può vincere senza segnare, è la regola base del calcio, ed il Napoli sta pagando la scarsa vena dei suoi attaccanti, ma anche una sfortuna che Paperoga e Paperino, a confronto, possono ritenersi dei “Gastone” o “Paperone”. Un palo, quello di Callejon al 14’ ed una traversa al 74’ di Insigne (con palla sulla schiena del portiere e poi fuori) per un totale di 14 legni colpiti in due mesi tra campionato e Champions League. Un piccolo record per una formazione che ha in Koulibaly il gigante buono ma svagato; ancora una volta, infatti, da un suo errore i partenopei hanno pagato dazio. Una sorta di déja vu, di evento ciclico, quasi una tassa da pagare per Ancelotti. Terzo rigore subìto in due partite; stavolta l’errore è stato di K2, come spesso accaduto in questa prima parte di stagione. Il senegalese, però, da vero leader ha provato in tutti i modi a riscattarsi, anche in attacco, sfiorando il gol; nel finale di gara – questa la buona notizia – ha alzato il livello della sua prestazione fino a chiudere in crescendo. Non ha convinto, ancora, il centrocampo; senza un vero interditore – Allan non è ancora disponibile, Elmas non lo è del tutto ma non viene comunque utilizzato – la squadra è andata in difficoltà, con Zielinski e Fabian Ruiz in difficoltà a fare filtro ma anche a rilanciare l’azione, con Ancelotti chiamato a trovare una soluzione, ad inventarsi qualcosa dall’alto della sua genialità ed esperienza. Il Napoli, nel girone, ha perso il primo posto a favore del Liverpool ma ha conservato i quattro punti di vantaggio sul Salisburgo terzo; nella prossima gara ha una nuova chance di centrare la qualificazione in anticipo. Intanto la prova sembra essere piaciuta a De Laurentiis che si sarebbe complimentato con Lozano per il suo primo gol in Champions in azzurro. Pare – ma non vi sono conferme ufficiali – che anche il ritiro sia stato sciolto, con i calciatori ed Ancelotti tornati a casa. Il tecnico non ha nemmeno parlato ai media. Sabato, intanto, si chiuderà il secondo tour de force stagionale contro il Genoa; la vittoria non si può più attendere.

06 Novembre 2019 00:24 - Ultimo aggiornamento: 06 Novembre 2019 00:24
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi