08 Agosto 2020 - Aggiornato alle 17:43
SPORT
Napoli-Sassuolo: "Gattuso si aspetta la riscossa" di Giovanni Spinazzola
24 Luglio 2020 23:30 —

Il Napoli continua a sfidare le emiliane; dopo il Parma è il turno del Sassuolo, squadra che evoca dolci ricordi a Gattuso, considerato come contro i neroverdi arrivò il primo successo da tecnico del Napoli per il calabrese. Ora la posta in palio è sicuramente minore rispetto a quella di cinque mesi fa; allora la vittoria era un obbligo, con la squadra più vicina alla zona retrocessione che a quella europea. Oggi è poco più di un allenamento, almeno sulla carta; è, infatti, una sfida – soprattutto a livello mentale e fisico – utile per tenere alta la concentrazione in vista del grande obiettivo, della gara di Barcellona cerchiata di rosso da tutti, calciatori, staff tecnico e tifosi. Bisognerà arrivare però con la giusta testa e vincere aiuta sempre a vincere, perché propedeutica ad acquisire quella mentalità propria delle grandi squadre. Gattuso non vuole mollare di un centimetro e contestualmente vuole che anche i suoi calciatori si comportino così; ecco perché si aspetta una reazione veemente, di forza e cattiveria, con il veleno, dopo la bruciante sconfitta arrivata a Parma, peraltro immeritata. C’è da blindare la difesa e chiuderla a doppia mandata e c’è da rendere l’attacco più prolifico; questi i punti deboli del Napoli individuati dal tecnico e sul quale sta lavorando incessantemente. E Ringhio si aspetta progressi già da domani, contro una sua squadra che – nel modo di giocare – ricorda un po’ i catalani. Test più che probante, quindi, anche per quei calciatori chiamati a dimostrare il loro valore dopo prove decisamente opache.

La squadra, come ormai consuetudine dal post Covid, ha svolto l’allenamento di rifinitura al San Paolo; prima fase di riscaldamento a secco, la squadra ha svolto partita a campo ridotto, poi chiusura con una serie di esercitazioni tattiche. Si è rivisto anche Llorente che ha svolto una prima parte di seduta con i compagni per poi continuare con il personalizzato (evidentemente l’aria di Capri gli ha fatto benissimo).

La sfida contro il Sassuolo sarà l’occasione, per i dirigenti del Napoli, di incontrare i colleghi neroverdi per Jeremie Boga, pallino di Giuntoli ed uno degli obiettivi per l’attacco.

Dirigerà l’incontro Aureliano di Bologna. Assistenti: Bottegoni-Bremes. IV Uomo: Pezzuto. VAR: Nasca-Longo.

In casa Napoli Ospina non è al top e sarà quindi Meret a difendere i pali degli azzurri; in attacco torna Milik dopo la squalifica perché anche Mertens non è al top, supportato da Callejon ed Insigne. In mediana Fabian Ruiz, Lobotka e Zielinski, mentre in difesa sarà Manolas il partner di Koulibaly con Di Lorenzo e Mario Rui terzini, anche se Hysaj è in lizza per una maglia da titolare.

De Zerbi deve fare a meno di Boga, Chiriches, Defrel, Obiang, Romagna indisponibili e Bourabia squalificato. Nel 4-2-3-1 Caputo unica punta supportato da Berardi, Djuricic ed Haraslin. Schermi davanti alla difesa Magnanelli e Locatelli. In difesa, davanti a Consigli, Marlon e Ferrari, con Toljan – di nuovo disponibile dopo l’infortunio – e Kyriakopoulos terzini.

Probabili formazioni

Napoli (4-3-3): Meret, Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui, Fabian, Lobotka, Zielinski; Callejon, Milik, Insigne All. Gattuso.

Sassuolo (4-2-3-1): Consigli; Toljan, Marlon, G. Ferrari, Kyriakopoulos; Magnanelli, Locatelli; Berardi, Djuricic, Haraslin; Caputo All. De Zerbi.

24 Luglio 2020 23:30 - Ultimo aggiornamento: 24 Luglio 2020 23:30
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi