19 Aprile 2019 - Aggiornato alle 08:48
CRONACA
NAPOLI-SPAL: Ancelotti ironico sul rigore negato "Hanno cambiato la regola ieri sera"
22 Dicembre 2018 20:15 —

È un Carlo Ancelotti soddisfatto della vittoria ma anche critico quello che si è presentato ai microfoni di Sky dopo il successo sulla Spal, fondamentale ai fini della classifica.

“È stato un successo giusto e meritato, ma bisogna crescere. Il gioco del calcio ha delle regole ben precise e a volte quando non sei bravo a capitalizzare le occasioni, rischi di essere punito".

Complimenti per Meret, decisivo nel finale.

"Oggi è stato bravissimo Meret nel finale a chiudere la porta. Prima però dovevamo chiudere il match e concretizzare la superiorità in campo".

Spazio, però, all’autocritica.

"Sicuramente sotto questo profilo non è stata una partita strepitosa, dobbiamo fare un salto in avanti perché le potenzialità che abbiamo vanno sfruttate a pieno. Sono certo che sapremo crescere in questa ottica. Oggi siamo stati bravi a cercare spesso la profondità, non è stato un palleggio fine a sè stesso. Quello che ci è mancata è stata la finalizzazione".

Sulla classifica.

"Non deve essere un nostro pensiero la Juventus, stanno viaggiando talmente forte che rischiamo di demotivarci. Invece noi dobbiamo essere ricchi di motivazioni perché ho un gruppo forte che può fare benissimo. Noi non molliamo niente, la strada è lunga e vogliamo essere competitivi. Ribadisco che dobbiamo pensare esclusivamente al nostro percorso. Personalmente sono ampiamente soddisfatto e contento di come stiamo lavorando. Gestire questa rosa, per me, è molto semplice. Ho ragazzi di grande disponibilità che mi diverto molto anche ad allenare".

Contento il match winner, Raul Albiol, di professione difensore ma stasera risolutivo in attacco, con il gol vittoria.

“È stato un gol importante perché ci ha portato il successo. Sì, sono contento anche perché alcune partite vanno risolte anche su palle inattive soprattutto quando sono bloccate. Siamo stati bravissimi a sbloccare e a dominare la partita, ma non siamo stati altrettanto bravi a chiudere il match. A volte si rischia troppo quando non si concretizzano tante palle gol. Oggi abbiamo rischiato noi, dopo aver sempre comandato il gioco. Questo è l'unico fattore non positivo della nostra prestazione.

Capitolo scudetto.

"La Juventus sta andando fortissimo ma noi siamo lì. Il nostro pensiero deve essere quello di vincere più partite possibili, poi vedremo dove saremo. Nulla è deciso, siamo pronti a giocarci ogni gara al massimo. Abbiamo il campionato e siamo anche in corsa in Europa League. La stagione è lunga e noi dobbiamo farci trovare preparati su tutte le competizioni".

Giovanni Spinazzola

22 Dicembre 2018 20:15 - Ultimo aggiornamento: 22 Dicembre 2018 20:15
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi