21 Novembre 2018 - Aggiornato alle 00:24
SPORT
NAPOLI-TORINO: Al San Paolo con grinta e fierezza
05 Maggio 2018 21:41 —

La Serie A volge al termine e lo scudetto sembra aver preso la strada di Torino dopo i fatti di sabato e domenica scorsi, eppure il Napoli ha l’obbligo di chiudere a testa altissima un torneo mantenuto aperto fin quasi sul filo di lana, con un sogno quasi definitivamente sfumato ma cullato per otto mesi, per 35 lunghissime giornate, con tanto di patto stretto nello spogliatoio lo scorso giugno tra tutti i protagonisti. “Di doman non c’è certezza” scriveva Lorenzo De’ Medici, il Magnifico (non Insigne, eh, ma quello vero) nella Canzona di Bacco, versi che seguono “chi vuol esser lieto, sia”, per un ottonario strettamente d’attualità che ben rispecchia la condizione attuale del Napoli. La delusione deve essere sostituita dalla grinta, dalla fierezza e – perché no – dalla convinzione di credere ancora al titolo fin quando l’aritmetica lo permetta. D’altronde, “finché c’è vita, c’è speranza”. Questo lo stato d’animo dei partenopei che ospitano il Torino alle 15, orario classico d’un calcio che fu, di un gioco con meno veleni e più passione e, probabilmente, meno polemiche ed ingiustizie. Affrontare i granata è anche un modo per riabbracciare Walter Mazzarri, mister mai dimenticato a queste latitudini e sempre amato per le cavalcate trionfali nel segno del 3-5-2, dei titolarissimi e di Cavani Matador più che mai, con Lavezzi ed Hamsik a formare il trio delle meraviglie. A Napoli arriverà un Torino deluso per la stagione fin qui disputata ma gli azzurri hanno l’obbligo di riscattare la caduta di Firenze e riprendere a marciare ai ritmi folli degli ultimi mesi. Se delusione dovrà essere, che almeno sia con la consapevolezza di non aver nulla da rimproverare. A fine stagione, poi, solo allora, si dovranno tirare le somme e pensare al mercato, con i rumors di questi giorni da tenere fuori la porta degli spogliatoi.

Capitolo formazioni. Sarà ballottaggio fino alla fine tra Mertens e Milik per il ruolo di prima punta; Callejon ed Insigne ai lati mentre in mediana Allan, Jorginho ed Hamsik. Tonelli in vantaggio su Chiriches per sostituire Koulibaly squalificato, con Albiol, Hysaj e Mario Rui a completare la difesa davanti a Reina.

In casa Torino Moretti è squalificato e dovrebbe essere sostituito da Bonifazi; ko Obi e Berenguer, nel 3-4-2-1 granata Edera e Ljajic a supporto di Belotti. Esterni a tutta fascia De Silvestri ed Ansaldi con Rincon e Baselli al centro.

Probabili formazioni

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Tonelli, Albiol, Mario Rui; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne.

TORINO (3-4-2-1): Sirigu; N'Koulou, Burdisso, Bonifazi; De Silvestri, Rincon, Baselli, Ansaldi; Edera, Ljajic; Belotti.

Giovanni Spinazzola

05 Maggio 2018 21:41 - Ultimo aggiornamento: 05 Maggio 2018 21:41
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi