20 Marzo 2019 - Aggiornato alle 01:55
SPORT
Napoli-Udinese si giocherà alle 18. E si riparla di Icardi
27 Febbraio 2019 18:03 —

Giornata di allenamento a Castel Volturno, con gli azzurri che si sono allenati in preparazione della supersfida di domenica contro la Juventus. Riscaldamento a secco in avvio per gli azzurri che hanno poi proseguito con il torello a campo grande con la rosa divisa in due gruppi. Lavoro atletico con l'utilizzo di ostacoli bassi, poi, e chiusura con seduta tattica e mini torneo in famiglia: 5 contro 5 con l'ausilio delle sponde. Arek Milik ha svolto lavoro differenziato in via precauzionale. Mario Rui, invece, ha partecipato alla prima parte di seduta con il gruppo e poi ha proseguito seguendo la tabella personalizzata. La dirigenza, invece, negli uffici lavora per i rinnovi. Quasi chiusi quelli con Nikola Maksimovic e Piotr Zielinski; il serbo firmerà un nuovo accordo da due milioni di euro l’anno, mentre il polacco – sempre più importante nelle gerarchie azzurre e pupillo di Ancelotti – è pronto a legarsi per altri quattro anni a 2,5 milioni di euro a stagione, con il contratto che non avrà al suo interno la clausola di rescissione, proprio come capitato per Koulibaly. Il mercato, però, tiene banco anche in entrata; negli ultimi giorni, esplosa la grana Icardi con l’Inter, sono rimbalzate fuori anche voci incontrollate che vogliono il Napoli club interessato all’argentino. Già quando partì Higuain, De Laurentiis provò a strappare il bomber ai nerazzurri; allora arrivò il fermo rifiuto del club meneghino, con ADL che si spinse ad offrire un ingaggio ben oltre i parametri del Napoli (sette milioni di euro a stagione) con tanto di ruolo da attrice in un film per Wanda Nara, moglie-agente del calciatore. Ebbene, stavolta, fiutato l’affare, potrebbe superare sé stesso; ingaggio da nove milioni di euro più due di bonus a sbaragliare la concorrenza e renderlo il calciatore più pagato della A, Ronaldo escluso. Nessuna offerta né proposta, siamo ai sondaggi ma una cosa è certa; Icardi e la sua famiglia gradiscono l’opzione partenopea e non intendono lasciare l’Italia. De Laurentiis, quindi, dovrà vedersela solo con la Juve e, stavolta, il patron sarebbe davvero pronto allo sgarbo ai bianconeri. Due i vantaggi degli azzurri; un ruolo centrale nel progetto a Maurito (in bianconero non è possibile, perché c’è Ronaldo) ed i tifosi dell’Inter che mai vorrebbero vedere il loro ex capitano agli arcirivali della Juve. Se ne riparlerà in estate, ma le basi vi sono già.  Intanto spostato l’orario del calcio d’inizio di Napoli-Udinese; gli azzurri sono impegnati in Europa League il giovedì prima e quindi la Lega Calcio ha posticipato l’incontro. Non più alle 15, bensì alle 18. 

Giovanni Spinazzola 

27 Febbraio 2019 18:03 - Ultimo aggiornamento: 27 Febbraio 2019 18:03
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi