28 Maggio 2022 - Aggiornato alle 14:43
CRONACA
Napoli: 4 arresti per tentato omicidio aggravato dal metodo mafioso
13 Aprile 2022 09:45 —

Nella mattinata odierna la Squadra Mobile di Napoli, il Nucleo Investigativo Carabinieri di Castello di Cisterna e il Commissariato di P.S. Acerra hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di quattro persone della zona di Acerra gravemente indiziate di tentato omicidio aggravato dal metodo mafioso.

L’indagine che ha portato al provvedimento restrittivo trae origine dal ferimento di E. S. R., avvenuto nello scorso mese di settembre ad Acerra.

Nella circostanza, la vittima veniva avvicinata dai suoi aggressori mentre camminava per una via del centro di Acerra e, dopo una prima colluttazione con uno degli indagati, veniva accerchiata dagli altri tre, violentemente percossa con calci e pugni e, infine, ferita con numerosi fendenti da arma da taglio alle braccia, al collo e al torace.

L’analisi delle immagini dei sistemi di videosorveglianza presenti nei pressi del luogo dell’agguato ha consentito agli investigatori di ricostruire, nell’imminenza dei fatti, la dinamica dell’aggressione. Lo sviluppo delle indagini ha consentito, poi, l’acquisizione di ulteriori fonti di prova che hanno corroborato l’iniziale ricostruzione investigativa, consentendo di raccogliere elementi gravemente indizianti nei confronti dei destinatari del provvedimento restrittivo.

Le indagini hanno consentito, inoltre, di risalire anche al presunto movente dell’azione delittuosa, individuato nel contrasto insorto sul territorio di Acerra per la gestione di una piazza di spaccio di sostanze stupefacenti.

Sono stati raggiunti dall’ordinanza Avventurato Giancarlo (classe 1987), Della Valle Vincenzo (classe 1992), D’Agostino Emanuele(classe 1997), Ricci Emanuele (classe 1995).

13 Aprile 2022 09:45 - Ultimo aggiornamento: 13 Aprile 2022 09:45
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi