16 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 00:06
SPORT
Napoli: A Torino per una sfida da non fallire
22 Settembre 2018 16:45 —

Il Napoli aprirà la domenica di Serie A con il lunch match delle 12.30, una sfida da non fallire assolutamente, anche per rispedire al mittente le critiche piovute sugli azzurri dopo il pareggio di Belgrado. I partenopei sono attesi ad una trasferta insidiosa e difficile, contro un avversario ostico ed un tecnico – Walter Mazzarri – molto amato a queste latitudini e capace sempre di tirare brutti scherzi da ex. L’ultima sfida lontano da Fuorigrotta in A è finita con il naufragio di Genova e la squadra deve dimostrare di aver mandato a memoria gli errori commessi. Vedremo ancora un Napoli camaleontico, probabilmente con un 4-3-3 pronto a diventare un 4-4-2 asimmetrico ma anche con qualche novità, perché il turn over dev’essere costante e riguardare tutti; in caso contrario, sennò, a fine stagione si arriva senza forze ed energie. Sicuramente non saranno protagonisti della trasferta torinese (la prima nel giro di una settimana, perché sabato prossimo si torna nuovamente a giocare in Piemonte, stavolta contro la Juve) è Adam Ounas, fermato da un affaticamento muscolare. Indisponibile, quindi, l’ex Bordeaux al pari di Alex Meret, il cui infortunio sta diventando un giallo; i tempi di recupero, infatti, si sono dilatati per lo sfortunato classe ’97 e per rivederlo in campo servirà ancora un mese, forse di più.

Ecco l’elenco dei convocati: Ospina, Karnezis, D'Andrea, Albiol, Maksimovic, Koulibaly, Luperto, Malcuit, Mario Rui, Hysaj, Fabian Ruiz, Rog, Allan, Diawara, Hamsik, Zielinski, Verdi, Mertens, Callejon, Milik, Insigne.

Contro i granata sarà gara spigolosa, anche dal punto di vista fisico, perché il 3-5-2 di Mazzarri punta su calciatori tecnici ma anche un po’ più rudi, Rincon su tutti. In conferenza stampa l’allenatore del Torino ha elogiato Ancelotti ma è pronto a tirargli un brutto scherzo; ecco perché stavolta ogni tipo di distrazione è vietata, così come sarà ben accetto un maggiore cinismo sotto porta. Milik, Mertens, Insigne ma anche Verdi; tutti sotto esame; bucare la rete, ora, è diventato un obbligo.

Come detto, Ancelotti apporterà delle modifiche alla formazione scesa in campo mercoledì contro la Stella Rossa; in attacco nuovamente Mertens dal 1’ con Insigne e Callejon a rispolverare il tridente che ha fatto le fortune di Sarri; in mediana Hamsik e Zielisnki dovrebbero essere sicuri del posto mentre è ballottaggio Allan-Rog. Occhio, però, a Fabian Ruiz, autore di una buona prova in Champions League. In difesa, davanti ad Ospina, Hysaj, Albiol, Koulibaly e Mario Rui ma non sono esclusi Maksimovic al posto del senegalese e Luperto per il lusitano.

In casa Toro, invece, out Iago Falque, ci sarà dal 1’ la coppia Zaza-Belotti; ritorna, invece, titolare Rincon in mediana con Baselli e Meité. Esterni a tutta fascia Ola Aina e Berenguer mentre davanti a Sirigu dovrebbero agire Izzo, N’Koulou e Moretti.

Probabili formazioni

TORINO (3-5-2): Sirigu; Izzo, N'Koulou, Moretti; Ola Aina, Baselli, Rincon, Meité, Berenguer; Zaza, Belotti. A disposizione: Ichazo, Roati, Djidji, Ferigra, De Silvestri, Bremer, Lukic, Edera, Parigini, Soriano, Damascan. Allenatore: Mazzarri

NAPOLI (4-4-2): Ospina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Hamsik, Zielinski; Callejon, Mertens, Insigne. A disposizione: Karnezis, D'Andrea, Malcuit, Maksimovic, Luperto, Rog, Diawara, Fabian, Ounas, Milik, Verdi. Allenatore: Ancelotti

Giovanni Spinazzola

22 Settembre 2018 16:45 - Ultimo aggiornamento: 22 Settembre 2018 17:01
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi