06 Giugno 2020 - Aggiornato alle 17:16
CRONACA
Napoli: Arzano, omicidi nel centro estetico. Scarcerato Pasquale Cristiano soprannominato “picstik”
08 Aprile 2020 15:03 —

In primo grado la direzione distrettuale antimafia aveva invocato la condanna all’ergastolo nei confronti di Pasquale Cristiano, per l’omicidio di Ciro Casone, avvenuto ad Arzano il  28.02.14 durante il quale perse la vita anche  Ferrante Vincenzo che si trovava in compagnia del primo.

Il commando fu composto da quattro persone e  l’omicidio  trova la sua  collocazione per   la lotta per il predominio camorristico nella città di Arzano.

Clamorosamente, in accoglimento delle argomentazioni  giuridiche formulate dalla difesa, il Giudice dell’udienza preliminare presso il Tribunale di Napoli, dott. Vertuccio,   ritenne che non vi fossero prove sufficienti per giungere  alla conclusione che “Picstik” fosse uno degli esecutori materiali.

Scelta vincente per la difesa del ritenuto killer, quindi, fu   quella di definire il processo con le forme del rito abbreviato, puntando a valorizzare in particolare la genericità delle accuse dei pentiti  e le divergenze tra le dichiarazioni rese dai collaboratori di giustizia  Salvatore Abate e  da  Domenico  Esposito   con  le dichiarazioni dei testi oculari che erano nei pressi ed all’interno del centro estetico dove avvenne   l’agguato.  

Non  fu decisivo per  incastrare Pasquale Cristiano  dimostrare  che, dopo l’omicidio di Casone, la lista delle vittime delle estorsioni sarebbe passata proprio nelle sue mani, circostanza questa concordemente riferita da plurimi collaboratori di giustizia che individuavano  proprio in Cristiano il  boss emergente.

La assoluzione dall’omicidio non fu impugnata dalla Procura della Repubblica e quindi divenne irrevocabile per Cristiano, mentre è ancora in corso l’istruttoria dibattimentale innanzi alla Corte di assise di Napoli relativa  al processo a carico degli altri ritenuti esecutori materiali del duplice omicidio cioè    Napoleone Renato, Russo Francesco Paolo e Gambino Angelo,  i quali scelsero  la strada del giudizio ordinario.

Ma  oggetto del giudizio innanzi svoltosi innanzi al Giudice Vertuccio  erano anche alcuni reati  di estorsione con modalità mafiose per i quali vi fu emessa  condanna  in primo grado di Cristiano Pasquale ad anni 8 e mesi 8 per due episodi estorsivi, di Liguori Raffaele ad anni sei di reclusione e di Russo Domenico  ad anni cinque e mesi quattro, condanne che impedirono a “Pikstic”  di essere rimesso in libertà nonostante  il venir meno della gravissima  accusa di aver cagionato la morte di due persone.

Degna di nota  è anche la circostanza che tra le vittime  delle estorsioni vi era anche  di Giuseppe Orlando, quest’ultimo  assassinato in un agguato di camorra alcuni mesi fa.

E così veniamo ad oggi, al processo  di appello che si è svolto nonostante la pandemia in corso, ove si è verificato   un ulteriore colpo di scena.

Infatti, nel corso del giudizio di secondo grado, dopo che il Procuratore Generale ha chiesto la conferma delle condanne  inflitte, e udite le arringhe difensive, la Corte avrebbe dovuto emettere il verdetto finale. Diversamente da come accade ritualmente, dopo ben tre ore di camera di consiglio, il presidente della quarta sezione della Corte di appello di Napoli, dott. Nicola Russo, invece, ha letto  una ordinanza con la quale   ha disposto  di  acquisire  ulteriori atti con rinvio per il prosieguo del processo e per la sentenza al giorno 21 aprile.

Inoltre,  quel che ancor più rileva, la Corte di appello,  in attesa della decisione finale, in accoglimento  della richiesta avanzata dagli avvocati Dario Vannetiello e Vincenzo Di Vaio, ha disposto la immediata scarcerazione del pregiudicato  Pasquale Cristiano, con sottoposizione di costui agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

E così nel giro di soli due anni  “Picstick”, grazie alle sapienti scelte difensive,   è passato dal rischio dell’ergastolo al focolaio domestico, allorquando lo “stare  a casa” è di fatto  imposto  a tutti  i cittadini in questo periodo di pandemia.

Inoltre, la Corte di appello, sempre in accoglimento di istanze difensive, ha deciso la remissione in libertà di coloro che avevano una posizione meno  gravata e che erano stati  condannati a pene minori rispetto a quella inflitta a Pasquale Cristiano:  Liguori Raffaele, difeso dagli  avvocati Antonio Pollio e Fabio Segreti, e Russo Domenico difeso dall’  avvocato   Antonio Mormile.        

08 Aprile 2020 15:03 - Ultimo aggiornamento: 08 Aprile 2020 15:03
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi