13 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 19:43
CRONACA
Napoli: “Botti di fine anno”, primo sequestro di 400 chili
30 Novembre 2017 15:05 —

400 chili di batterie, botti e ordigni esplosivi realizzati artigianalmente erano stati stipati nel garage di un 63enne di Teverola. Accanto al materiale esplosivo ed esplodente c’era anche un apparecchio elettrico temporizzato per dare il via a distanza all’accensione delle batterie. È la scoperta dei carabinieri della compagnia di Casoria che, nel corso dei servizi predisposti contro fabbricazione e vendita dei cosiddetti “botti di fine anno”, hanno rinvenuto e sequestrato nella casa di Carmine Menditto il citato materiale. Nel box, come detto, c’era accatastato di tutto, anche potentissimi ordigni da lancio artigianali, quelli che solitamente si sparano per annunciare la fine dello spettacolo pirotecnico; qualsiasi incidente ne avrebbe potuto provocare lo scoppio causando la distruzione della palazzina e danni anche alle abitazioni circostanti in una zona densamente popolata. Sul posto sono quindi intervenuti gli artificieri antisabotaggio del nucleo investigativo di napoli che solo dopo accurate disattivazioni hanno portato via in sicurezza il materiale, destinato alla distruzione in area protetta. L’arrestato attende il rito direttissimo.

30 Novembre 2017 15:05 - Ultimo aggiornamento: 30 Novembre 2017 15:05
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi